Cronaca

Circo Lidia Togni, smentiti maltrattamenti di animali: «gli zoo non sono mica illegali…»

Animali maltrattati al circo Lidia Togni installato a Bellizzi? Il responsabile dell’ufficio di segreteria del circo, Francesco Merrina, smentisce che durante tale sopralluogo siano emersi casi di maltrattamento di animali.

«Durante i sopralluoghi, sia quello di qualche giorno fa a Bellizzi, sia quello di due anni fa a Battipaglia, richiesti dall’associazione di Paolo Bernini, gli animali del mio circo non sono mai stati trovati in cattive condizioni – afferma Merrina, che ha contattato telefonicamente la nostra redazione – Non è vero che siano lasciati senza acqua o senza cibo. Leggo poi che Bernini avrebbe visto “bambini infilare le mani dentro le gabbie di animali mordaci”. Anche questa è una falsità: intorno alle gabbie viene posta una cancellata a distanza di sicurezza».

«Ci improvvisiamo come zoo? – continua Merrina – Non capisco cosa ci sia di male: gli zoo non sono mica illegali».

Merrina risponde anche alla notizia, data dall’onorevole Paolo Bernini (Movimento Cinque Stelle) di un finanziamento pubblico ricevuto dal circo di 170mila euro: «il Circo Lidia Togni non ha mai ricevuto 170mila euro di fondi. Magari ce li avessi…».


 

In una successiva mail, lo stesso Merrina ha inoltrato il seguente comunicato, che riportiamo integralmente e senza alcuna correzione:

“la direzione del circo montecarlo lidia togni intende rettificare alla notizia apparsa sul vostro quotidiano online a seguito delle affermazioni di associazione eial di battipaglia.

la notizia si riferisce ad un controllo richiesto in battipaglia in data 02/11/2016 alla struttura circo lidia togni il nazionale diretta da vinicio canestrelli togni per il quale riporto il comunicato che smentisce le offese ed accuse della stessa associazione e del sedicente onorevole bernini.

comunicato:

In data 02/11/2015 verso le ore 22,00 è stato effettuato un sopralluogo presso le strutture circensi site in Battipaglia. Alla presenza dei carabinieri e dei dottori della ASL veterinaria di Battipaglia è stato effettuato il detto sopralluogo.

E’ stato accertato che gli animali sono stabulati come da leggi vigenti, non presentano cenni di stress, sono ben nutriti ed accuditi da personale qualificatoI mezzi con i quali si effettuano gli spostamenti degli animali sono a norma di legge e regolarmente accettati dall’Asl competente. I cavalli stabulati in singoli box di dimensioni a norma di legge, con lettiera di segatura, abbeverati e nutriti regolarmente.

I felini sono stabulati in singole gabbie di dimensioni come previsto dalle leggi vigenti, ben nutriti ed abbeverati con acqua potabile, sempre.
Il piazzale dove il circo era installato era in buone condizioni igieniche. Di tutto quanto detto sopra sono stati consegnati alle forze dell’ordine, dopo aver dato visione degli originali, tutte le copie dei documenti del personale, degli animali e dei mezzi. Il Circo Lidia Togni ha liberamente detto quali saranno le prossime tappe, in quanto nulla ha da temere o nascondere.

Non si possono richiedere punizioni o sequestri per delle aziende che hanno un comportamento legale.
Certo la direzione del Lidia Togni si riserva ogni e qualsiasi diritto nei confronti di coloro che non hanno rispetto di chi lavora onestamente, alla luce del sole, in quanto forse è meglio regalare un milione e mezzo di euro a circhi stranieri ed infangare il circo italiano.

 

la nostra struttura invece e’ stata visitata sempre grazie alla segnalazione dell’onorevole bernini a bellizzi in data 24/02 da forestale ,vigili ed asl verificando che nulla di quanto dichiarato corrispondeva a verita’ e che gli animali stanno benissimo.

smentiamo che questa struttura abbia mai percepito dallo stato italiano alcun contributo, anche se come il teatro ,il cinema o qualunque altra azienda italiana non capiamo il perche’ se ne ha diritto in riferimento ad investimenti effettuati per quale motivo non debba percepirli.

le affermazioni del pensiero unico animalista fa soltanto sorridere, la loro incompetenza in maniera di animali supera la parola infinito intendo soltanto calunniare e  diffamare persone che lavorano e che dedicano la loro vita alla loro tradizione di famiglia di spettacolo popolare che porta lustro dell’arte italiana in tutto il mondo.

 

grazie francesco merrina (ufficio circo montecarlo lidia togni)”


 

Articoli correlati

Back to top button