Clan Sant'Anna, sconti in Appello

coronavirus-omicidio-ridosso-mandante-domiciliari

Pochi sconti al Clan Sant'Anna, il sistema che controllava lo spaccio e anche l'economia a Battipaglia e nella Piana del Sele

Clan Sant’Anna, sconti in Appello.


BATTIPAGLIA. Sconti di pena al Clan Sant’Anna, il sistema che controllava lo spaccio di droga a Battipaglia e nella Piana del Sele fino a 2 anni fa, quando 80 persone furono portate in carcere.

Tra queste persone anche Paolo Pastina (figlio di Orlando, ex consigliere comunale a Battipaglia) condannato, dai giudici di secondo grado, a 14 anni di reclusione mentre Pierpaolo Magliano a 15 anni.

Complessivamente i circa quattro secoli di carcere emessi in primo grado (dal gup in abbreviato) nei confronti dei 78 imputati sono rimasti quasi immutati: i piccoli sconti di pena, che però non hanno influito tantissimo sulle condanne di secondo grado, sono dovuti in quanto i giudici di appello hanno eliminato l’accusa di 416 bis (associazione camorristica) mantenendo in piedi l’ipotesi associativa per il traffico e spaccio di droga.

Ci sono state anche alcune assoluzioni, per coloro che in primo grado avevano preso una lieve condanna e la cui posizione era molto defilata, come Ugo Da Dalto, Angelo Cappuccio, Donato Ippolito, Roberto Cannavacciuolo e Paolo Miceli.

 

Il mercato della droga

 

Per le accuse, il sodalizio criminale aveva monopolizzato il mercato della droga puntando anche al controllo dell’economia sfruttando appoggi in Comune.

A scoperchiare il “sistema” fu Cosimo Podeia che negli anni è diventato un collaboratore di giustizia. Il collegio della corte di appello (presieduto dal giudice Diego Cavaliero) tra novanta giorni depositerà le motivazioni.

Gli sconti di pena sono stati fatti a Paolo Pastina, ha avuto sedici mesi in meno rispetto al primo grado. Quattro mesi invece a Pierpaolo Magliano.

L’indagine della Dda di Salerno ha preso spunto dalla collaborazione di Cosimo Podeia, condannato in appello a 3 anni e 10 mesi di reclusione.

 

Tutte le pene

 

La pena è stata rideterminata per 31 imputati: a Davide Antinori, 5 anni, Mirko Arena, anni 1, Cosimo Barbato, anni 6 e mesi 8, Gennaro Bisceglie, anni 4 e mesi 6, Emanuel Buono, anni 5, Giuseppe Buono, anni 6, Giovanni Cavallaro, anni 1, Gianluca Di Benedetto, anni 5, Mario Capriglione, anni 5, Paolo Cesaro, anni 6 e 1 mese e 10 giorni, Vincenzo Cipresso,  anni 5, Vincenzo De Santis, anni 9 e mesi 6, Jessica Paola Di Benedetto, anni 4 e 2 mesi, Antonio De Simoni, anni 2 e 8 mesi, Antonietta Di Marco, anni 4 e 2 mesi, Licio Galmart, anni 4 e mesi 6, Carmine Marino, anni 4, Cosimo Marino, anni 4 e mesi 8, Marco Molinaro, anni 9 e mesi 10, Andrea Moffa, anni 5, Ivan Oliva, anni 5, Cosima Palma, anni 5, Nunzio Pepe, anni 4 e mesi 2, Arianna Pergamo, anni 2 e mesi 11, Vincenzo Pierro, anni 2, Antonio Poppiti, anni 6, Christian Viscido, anni 7 e mesi 8.


 

TAG