Cronaca

Con i tagli agli ospedali sarà un’odissea per i pazienti

SALERNO. Indipendentemente dalle decisioni che l’Asl Salerno deciderà di prendere per rispondere all’emergenza creata dall’applicazione della legge 161, l’unica vera soluzione sarebbe quella di procedere con nuove assunzioni. Ne sono convinti sia i rappresentanti degli infermieri che dei medici di base.

«Si arriva sempre all’ultimo minuto per decidere di non decidere – commenta amareggiato il presidente provinciale dell’Ipasvi Cosimo Cicia – Lo sapevamo da un anno che c’era questa legge e ci siamo ridotti all’ultimo momento utile». C’è un solo motivo secondo il rappresentante del sindacato degli infermieri per cui adesso non si riesce a capire come riuscire a garantire gli stessi servizi di prima.

Anche se non direttamente toccati dal problema, i medici di famiglia sono ben consapevoli delle conseguenze dell’applicazione di questa legge. «La responsabilità di questo è prevalentemente politica perchè non si è pensato al turn over», commenta il segretario provinciale della Fimmg Francesco Benevento. E adesso, «i reparti sono sguarniti dal punto di vista dell’organico». Quello che sottolinea Benevento sono soprattutto le ricadute che tutto questo potrà avere sugli utenti, soprattutto se si decida di destinare solo alcuni nosocomi alle operazioni programmate.

FONTE: giornale (LA CITTA’)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button