Cronaca

Concetta Nitto l'insegnante trasferita al Nord, vince la causa e ritorna in "patria"

BACCINO. Stando a quanto riporta il quotidiano “La Città”, l’insegnante 40enne Concetta Nitto trasferita in provincia di Pavia, vince il ricorso contro il Ministero e ritorna al sud. A termine di anni di precariato, la signora riuscirà a vedere finalmente la luce del tunnel e realizzare il suo sogno di vedersi finalmente immessa in ruolo. Tuttavia, a settembre,  con la riforma della “buona scuola” (legge 107/2015), il sogni si era trasformato in un vero e proprio incubo e la salernitana, che prestava servizio in Basilicata, si è vista trasferita in alt’Italia, in provincia di Pavia.

Il Ministero dell’Istruzione, nell’applicare la normativa legata all’assegnazione delle sedi scolastiche, attraverso un algoritmo matematico e di criteri non specificati nella normativa, manda l’insegnante in una scuola nei dintorni di Pavia, con ben 18 punti sulla graduatoria, un punteggio molto alto che insospettisce così la Nitto. In seguito il caso finisce in tribunale e, assistita dai legali Angelo Tuozzo e Italia Policastro, presenta ricorso contro il Ministero dell’Istruzione, vincendo.

Antonio Bassano

Giornalista pubblicista dal 2017, ma anche eterno appassionato di lotta, pittura, street photography e del mondo otaku. Cresciuto giornalisticamente grazie al quotidiano L'Occhio di Francesco Piccolo, Antonio Bassano ha un approccio alla professione letterario semplice e spontaneo, nonché orientato a mettere a nudo la notizia senza commistioni o forzature.

Articoli correlati

2 Comments

  1. Significantly, this post is really the sweetest on this notable subject. I harmonise along with your conclusions and will thirstily seem ahead to your incoming updates. Stating thanks will not just be ample, for your phenomenal clarity with your writing. I will directly grab your rss feed to remain informed of any updates. Admirable perform and considerably good results in your organization dealings!  Please excuse my poor English as it really is not my very first tongue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button