Cronaca

Salerno, resistenza a pubblico ufficiale: arriva la condanna per l’ex consigliere Fezza

Arriva la condanna per Vilma Fezza, accusata di resistenza al pubblico ufficiale. La nota avvocatessa salernitana è stata condannata a quattro mesi di reclusione dal giudice monocratico, dottoressa Pasqualina Caiazza al termine del processo di primo grado.


L’ASSOLUZIONE


La condanna per Vilma Fezza

Vilma Fezza è accusata di resistenza al pubblico ufficiale per quanto accaduto l’11 settembre del 2013. La donna fu fermata da due carabinieri per un normale controllo in pieno centro cittadino. I militari dell’Arma notarono l’avvocatessa al telefono cellulare mentre era alla guida.

I fatti

Scattò l’alt ma la donna, dopo essersi fermata, riferì di andare di fretta perché doveva andare dal mobiliere e ripartì ad alta velocità come racconta Il Mattino. La professionista, inoltre, è stata condannata al risarcimento dei danni, da stabilirsi in separata sede, a carico dei due militari che si sono costituiti parte civile.

Secondo la tesi portata avanti dall’avvocato che tutela i due militari ed accolta dal giudice, la Fezza con il suo atteggiamento “ha esposto i militari ad un rischio ulteriore determinato dalla necessità di inseguire il veicolo condotto con guida oltremodo pericolosa dall’imputata”.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button