Lavoro

8 consigli da conoscere prima di candidarsi per un lavoro

Vediamo di spiegare gli 8 consigli che dovreste conoscere prima di candidarvi per un lavoro

Avete trovato un annuncio di lavoro che vi interessa. Si adatta perfettamente al vostro background, alle vostre competenze e alla vostra esperienza. Provate un brivido di eccitazione e inviate rapidamente il vostro curriculum e la vostra candidatura.

Poi, si aspetta. E si aspetta. E aspettate. Poi passate le settimane successive a controllare la posta elettronica e la casella vocale finché non vi rendete conto che non avete ottenuto un colloquio.

Pensate a voi stessi: “Ma io ero così perfetto per quel lavoro!”. E forse lo eravate. Ma avete seguito tutti i passaggi necessari prima di presentare la vostra candidatura? Vediamo di spiegare gli 8 consigli che dovreste conoscere prima di candidarvi per un lavoro.

8 passi da compiere prima di candidarsi per un lavoro

1. Correggete tutto un paio di volte

Prima di inviare il curriculum, la lettera di presentazione o qualsiasi altro materiale di candidatura, rileggetelo un paio di volte e poi ancora un paio di volte. Oltre a cercare i comuni errori di battitura e di ortografia, chiedetevi: tutto ha un senso? Ci sono troppe parole d’ordine e poche parole chiave?

Poi chiedete a qualcuno di fiducia di leggerlo. Chiedete loro come si legge e se ci sono miglioramenti da apportare.

2. Personalizzare il curriculum e la lettera di presentazione

Il vostro curriculum potrebbe essere perfetto, ma non necessariamente perfetto per questo lavoro.

Un curriculum con una buona formattazione e senza errori di battitura vi porterà solo fino a un certo punto. Se mancano esperienze rilevanti o alcune parole chiave cruciali dell’annuncio di lavoro, la vostra candidatura potrebbe non passare attraverso il sistema di tracciamento dei candidati dell’azienda.

Modificate il vostro curriculum e la lettera di presentazione per ogni lavoro a cui vi candidate! Incorporate le parole chiave dell’annuncio di lavoro ed evidenziate le competenze e le esperienze che sono rilevanti per questo lavoro presso questa azienda.

Inoltre, assicuratevi che il modello del vostro curriculum sia semplice e che tutte le informazioni incluse siano facilmente comprensibili. Se avete difficoltà a creare un curriculum dall’aspetto professionale, potete creare il vostro curriculum online in pochi minuti. Così potrete utilizzare il tempo risparmiato per controllare il vostro curriculum più volte.

3. Rileggere l’annuncio di lavoro

Dopo aver personalizzato curriculum, rileggete la descrizione del lavoro e confrontatela con il vostro curriculum. Chiedetevi se avete fornito le informazioni più rilevanti o se avete tralasciato qualcosa di fondamentale.

Rileggere la descrizione del lavoro prima di inviare la candidatura può aiutare a perfezionare il pacchetto finale con i dettagli essenziali che potrebbero farvi ottenere un colloquio.

4. Correggere il profilo LinkedIn

“Se avessi un dollaro per ogni errore ortografico che ho visto su un profilo LinkedIn, sarei una donna ricca”, dice Christy Hopkins, una reclutatrice esperta. Tutti sanno che bisogna controllare l’ortografia del proprio curriculum, ma per carità, fatelo anche sul vostro profilo LinkedIn. I datori di lavoro lo cercheranno.

5. Ottimizzare il profilo LinkedIn

Il vostro profilo LinkedIn è un supplemento al vostro curriculum ed è qualcosa che i responsabili delle assunzioni leggeranno dopo il vostro curriculum per capire meglio se siete adatti al ruolo.

E mentre il curriculum è generalmente di una o due pagine, il profilo LinkedIn può essere molto più lungo. Aggiornate quindi le vostre esperienze, le qualifiche professionali, le certificazioni, i riconoscimenti, le esperienze di volontariato e gli esempi di lavoro, tutto ciò che è rilevante per il vostro successo professionale e può aiutarvi a distinguervi come candidati.

6. Ripulire i profili dei social media

Idealmente, non avete nulla di cui preoccuparvi sulle pagine dei social media. Ma per essere sicuri, controllate i vostri profili e assicuratevi di presentarvi nel miglior modo possibile. Qualcosa di negativo o non professionale? Usate il vostro giudizio migliore, oppure scegliete la prudenza e rimuovete quei post o quelle immagini.

7. Copiare l’annuncio di lavoro

Se l’annuncio di lavoro viene eliminato, ricorderete davvero tutto di quell’opportunità? Forse, ma perché rischiare? Stampate o fate uno screenshot della descrizione del lavoro, nel caso in cui dovesse scomparire. In questo modo, quando otterrete il colloquio, avrete la descrizione del lavoro a cui fare riferimento quando vi eserciterete a rispondere alle domande più comuni del colloquio e a capire quali domande porre all’intervistatore.

8. Controllare la vostra rete

Prima di candidarvi a un lavoro, fate una ricerca sull’azienda per vedere se avete dei legami con essa o se qualcuno dei vostri legami è collegato a dipendenti attuali o precedenti.

Questo può aiutarvi a ottenere il contatto diretto del responsabile delle assunzioni o maggiori informazioni sulla posizione. Se avete un amico o un collega professionista nell’azienda, ancora meglio – e verificate se l’azienda ha un programma di referral. I datori di lavoro spesso accolgono con favore le segnalazioni e talvolta le considerano prioritarie quando chiamano i candidati per i colloqui.

Articoli correlati

Back to top button