CronacaSalernitana

Lavoro nero, alimenti scaduti e carenze igienico-sanitarie allo stadio Arechi: multe per 150mila euro

Controlli dei carabinieri del Nas allo stadio Arechi: multe per 150mila euro per mancanze di carattere igienico-sanitario e strutturali

Controlli dei carabinieri del Nas allo stadio Arechi di Salerno. Nel pomeriggio di domenica 21 novembre, al termine di mirati accertamenti e verifiche avviati presso lo stadio “Arechi” nel corso dell’incontro di Serie A “Salernitana – Sampdoria”, personale del Nucleo Ispettorato del Lavoro e del NAS – Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Salerno, supportati da personale di questo Comando Provinciale, hanno proceduto al controllo dei diversi punti di ristoro e bar ubicati nei vari settori dell’impianto sportivo.

Salerno, controlli dei carabinieri del Nas allo stadio Arechi 

Tra le mancanze più rilevanti riscontrate dagli operanti, vi è certamente quella afferente l’impiego di decine di dipendenti “a nero” (quasi tutti i lavoratori identificati nel corso del servizio), impiegati con diverse mansioni, risultati privi di regolare contratto. Sono state riscontrate evidenti e gravi mancanze di carattere igienico-sanitario e strutturali che sono state segnalate all’ASL di Salerno per le determinazioni di competenza.


carabinieri-nas-sequestro-salerno-avellino-benevento


I vari illeciti contestati alla ditta appaltatrice, sia in materia sanitaria che inerenti la normativa sul lavoro, hanno comportato l’elevazione di sanzioni pecuniarie per un importo complessivo di circa 150mila euro, e con la contestuale diposizione della sospensione dell’attività imprenditoriale.

Un cane in un bar e lavoratori in nero col reddito di cittadinanza

È stata constatata anche la presenza di un cane all’interno di un punto ristoro, in un’area destinata alla preparazione e confezionamento degli alimenti, oltre che di alimenti scaduti. Allo stato attuale, sono ancora in corso verifiche finalizzate ad appurare quanti tra i lavoratori “in nero” fossero anche percettori del reddito di cittadinanza, al fine di procedere alla revoca del beneficio e al recupero di quanto illegittimamente già percepito.

I controlli sul Reddito di Cittadinanza

Di particolare rilievo è stato riscontrare la presenza di 40 su 41 lavoratori privi di assunzione (“in nero”), circostanza che ha indotto i carabinieri ad approfondire l’accertamento, riscontrando che 8 di essi risultano percettori del reddito di cittadinanza.

Il Nucleo Ispettorato del Lavoro ha pertanto proceduto alla comunicazione di tali indebite corresponsioni all’INPS, che procederà alla revoca immediata del beneficio.

Articoli correlati

Back to top button