Coronavirus ad Agropoli: nessun nuovo contagio in città, gli aggiornamenti del sindaco Coppola

coronavirus-agropoli-tamponi-negativi-14-marzo

Sono risultati negativi i tamponi effettuati sui contatti dei casi di Coronavirus registrati nei giorni scorsi ad Agropoli. A comunicarlo il sindaco Coppola

Sono risultati negativi i tamponi effettuati sui contatti dei casi di Coronavirus registrati nei giorni scorsi ad Agropoli. A comunicarlo è il sindaco Adamo Coppola nella consueta diretta di aggiornamento sulla situazione nel comune cilentano. “Aspettiamo che tutto il processo si completi, credo che notizie più complete potranno arrivare nella giornata di domani” ha detto il primo cittadino in diretta su Facebook.

Coronavirus: la situazione dei contagi ad Agropoli, le parole del sindaco

Il sindaco Coppola raccomanda la popolazione di non iniziare una caccia all’untore, “quello che può capitare ad un cittadino non può essere considerata una colpa. È una cosa che può capitare a chiunque. Cercare di infamare un nostro giovane concittadino soltanto perché ha avuto la sfortuna di capitare in una combinazione di eventi negativa credo sia inaccettabile. L’atteggiamento giusto per superare questo difficile momento deve essere di collaborazione e di vicinanza per i contagiati.

Sulla chiusura di piazza della Mercanzie il primo cittadino ha detto “quando, sabato mattina, mi sono reso conto che la lista dei contatti della prima persona contagiata era una lista dove c’erano tantissimi giovani ci siamo resi conto subito che c’era un grosso problema. Per questo motivo abbiamo immaginato di bloccare subito la movida, in collaborazione con tutte le attività commerciali, per 48 ore. Questo weekend la Movida si è fermata abbiamo avuto tempo di organizzare il lavoro da fare per isolare il virus arrivato in città. Una volta isolato, la città riacquisterà quella sicurezza necessaria a vivere la città.

Il sindaco Coppola ha ringraziato tutti i titolari delle attività commerciali per la collaborazione.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute