Cronaca

Coronavirus, 191 nuovi contagi a Salerno e provincia: esauriti i posti nei Covid center

Coronavirus, nuova escalation si contagi a Salerno e provincia: registrati 191 casi comunicati dall'Unità di crisi della Regione

Coronavirus, nuova escalation si contagi a Salerno e provincia: registrati nella giornata di ieri 191 casi comunicati dall’Unità di crisi della Regione.

Coronavirus, boom di contagi nel Salernitano

I nuovi contagi sono così ripartiti: Agropoli 3, Angri 23, Ascea 3, Baronissi 3, Battipaglia 3, Bellizzi 2, Buccino 1, Campagna 2, Capaccio 1, Castel San Giorgio 1, Castellabate 2, Castiglione del Genovesi 1, Cava de’ Tirreni 4, Eboli 5, Fisciano 1, Giffoni Sei Casali 3, Maiori 1, Mercato San Severino 3, Montecorvino Rovella 2, Nocera Inferiore 13, Nocera Superiore 3, Oliveto Citra 1, Pagani 19, Palomonte 1, Pellezzano 3, Pontecagnano 8, Positano 1, Roccapiemonte 2, Salerno 22, San Marzano sul Sarno 3, San Valentino Torio 5, Sant’Egidio del Monte Albino 4, Sarno 14, Scafati 18, Sessa Cilento 1, Serre 1, Vallo della Lucania 5, Vietri 3.

Covid center pieni

Intanto il sistema ospedaliero è saturo. Posti letto finiti a Salerno e Scafati, andirivieni di ambulanze all’ospedale di Agropoli, appena attivato.  Nonostante gli ospedalizzati in provincia restino intorno ai 50, di cui 4 in terapia intensiva, la richiesta di posti letto dalle altre aree della regione continua a crescere. Così, come richiesto da Palazzo Santa Lucia, l’azienda sanitaria e quella ospedaliera universitaria sono a lavoro per stendere un piano di riconversione progressiva dei reparti con ricoveri sospesi. Al Ruggi, dove continuano ad essere sempre affollate le sei stanze d’isolamento al pronto soccorso, la medicina d’urgenza che si trova al piano rialzato del corpo A, da lunedì, è diventata area multispecialistica covid, con 19 posti letto, di cui 6 dedicati alla terapia sub-intensiva.

Fonte: Il Mattino

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto