Eboli, il pronto soccorso si svuota per il presunto caso di meningite

coronavirus-eboli-pronto-soccorso-meningite

Coronavirus ad Eboli, paura ingiustificata al pronto soccorso dove i sanitari sono arrivati con le mascherine accompangnado un ragazzo di colore

Psicosi coronavirus ad Eboli. È a dir poco emblematico quanto accaduto nella serata di ieri presso il nosocomio ebolitano quando, intorno alle 18.30, al pronto soccorso è arrivato un ragazzo di colore.

Coronavirus ad Eboli, paura al pronto soccorso

Il giovane paziente – ospite di un centro d’accoglienza di Campagna – è stato accompagnato dai sanitari del 118 che in quel momento indossavano delle mascherine. Come riportato dal quotidiano La Città, i pazienti in sala d’attesa, notando le mascherine, hanno immediatamente abbandonato il pronto soccorso temendo che si trattasse di un caso di coronavirus. 

La precisazione

Un’ora dopo i sanitari hanno chiarito: “Il pronto soccorso non è stato chiuso. È arrivato un ragazzo affetto da meningite. Nel vedere i medici con le mascherine, la gente si è allontanata in maniera volontaria. Nessuno ha intimato loro di andare via. Capiamo la psicosi per il coronavirus ma il pronto soccorso non è mai stato chiuso”.

 

 

Sostieni la nostra redazione.

Offrici un caffè

TAG