Coronavirus, al Giffoni Film Festival un film sul dottor Paolo Ascierto

coronavirus-giffoni-film-festival-paolo-ascierto

 Paolo Ascierto protagonista di un film. È stato proiettato oggi in anteprima, alla 50esima edizione del Giffoni Film Festival

Paolo Ascireto protagonista di un film. È stato proiettato oggi in anteprima, alla 50esima edizione del Giffoni Film Festival, un estratto video di 6 minuti di ‘1+1=3’, docufilm diretto da Romano Montesarchio e prodotto dalla Bronx Film Production di Gaetano Di Vaio che racconta la storia e la vita dell’oncologo dell’istituto tumori Pascale di Napoli e la sua battaglia contro il coronavirus.

Un film su Paolo Ascierto al Giffoni Film Festival

 

A Giffoni, Ascierto ha partecipato anche a una masterclass con 100 giurati di età compresa fra i 15 e i 24 anni, rispondendo alle curiosità dei giovani e spiegando i pericoli invisibili dell’emergenza sanitaria.

Il racconto

“Questo mio ritratto- ha commentato- rappresenta un viaggio sorprendente nella mia stessa esistenza, illuminerà quanto di buono e intenso abbia fatto la comunità scientifica in questi terribili mesi della pandemia.

Questo racconto porta a galla quanto lavoro, entusiasmo e volontà abbiamo investito da marzo ad oggi e quanto ancora faremo per salvare vite umane.

Se la pandemia ci ha insegnato un valore è ancora una volta la costanza con cui bisogna vivere il nostro mestiere”. “Questi eventi ti insegnano profondamente. Io mi considero un medico come ieri, un oncologo in prima linea nella ricerca contro il melanoma. Ho affrontato la narrazione – ha aggiunto il ricercatore – e il viaggio scientifico nella maniera più sobria, senza perdere per strada nessuna emozione”.

La genesi di tutto, rievoca Ascierto, risale a “una conversazione tra amici. Il mio amico, il dottore Stefano Ambrosio della direzione scientifica dell’Istituto nazionale tumori Pascale, e Di Vaio, stavano dialogando proprio nelle ore in cui ebbi l’intuizione di adoperare il Tocilizumab sui pazienti in serie difficolta’ respiratorie, gran parte dei quali ricoverato in terapia intensiva. Quando Stefano e Gaetano chiacchieravano, fu proprio Di Vaio a proporre l’idea di un racconto che scavasse dentro questo improvviso pericolo per il pianeta. Tutto cio’ e’ stato realizzato grazie alla dedizione e accoglienza dei vertici del Pascale”.

Durante il lockdown

Durante il lockdown con Gaetano Di Vaio, che è coautore della sceneggiatura del docufilm- ha raccontato il regista Romano Montesarchio- ci siamo più volte sentiti e confrontati sentendo l’esigenza di dover raccontare un periodo così unico per la storia dell’umanità. Da subito ci aveva rapito la vicenda di questo medico-oncologo partenopeo, Paolo Ascierto, che stava salvando molte vite nel momento più triste e disperante per tanti di noi, costretti solo a subire gli aggiornamenti dai notiziari tv.

La sua era una cura nata da tutt’altre esigenze scientifiche. Così grazie alla disponibilità dell’Istituto tumori Pascale di Napoli abbiamo cominciato a raccontare questo medico straordinario, che trasuda una adamantina umanità. E ci dà la possibilità di raccontare dall’interno la pandemia.

Le molte storie dei guariti, grazie alla sua intuizione, offrono l’opportunità di illuminare la vita più che la morte”. Infine, precisa Di Vaio, produttore per Bronx Film Production: “Ho pensato a questo progetto in pieno lockdown, quando tutti eravamo prigionieri nelle nostre case e ci era stato vietato ogni movimento in città, perché ho avvertito un profondo senso di ingiustizia per il modo in cui certi media nazionali stavano maltrattando il lavoro coscienzioso del professor Ascierto. Ho sentito il bisogno di incontrarlo e chiedergli se gli andava di parlare della sua storia. In Romano Montesarchio, col quale ho realizzato già due docufilm, ho visto la figura ideale per trattare cinematograficamente una storia così particolare”.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

TAG