Cronaca
Trending

Coronavirus, in una settimana a Salerno 2600 nuovi positivi, 28 morti e 220 guarigioni

Coronavirus, in una settimana a Salerno 2600 nuovi positivi, 28 morti e 220 guarigioni. Il report dell'Asl

L’Asl Salerno ha diffuso il report settimanale sull’andamento del coronavirus nella provincia di Salerno, relativo al periodo che va dal 25 novembre all’1 dicembre 2020.

Coronavirus, la situazione a Salerno e provincia: il report settimanale

In una settimana nel Salernitano si sono registrati 2600 nuovi casi, 28 decessi e 220 guariti. In totale a Salerno e provincia gli attualmente positivi sono 18.808. Dall’inizio della pandemia ad oggi, si sono registrati oltre 20mila casi.

La fascia di età più a rischio

  • La fascia di età più colpita nell’ultima settimana è quella tra gli 81 e i 90 anni, con 72 casi (39,4%).
  • Registrati anche 2 casi tra i 31 e i 40 anni (0,6%),
  • 6 casi tra i 41 e i 50 anni (3%),
  • 17 casi tra i 51 e i 60 anni (9%),
  • 25 casi tra i 61 e i 70 anni (13%),
  • 54 casi tra i 71 e gli 80 anni (29%) e 1
  • 4 casi di pazienti con oltre 90 anni (14%).

I contagi

Nel report dell’Asl ci sono anche i dati relativi ad i contagi. Il 25 novembre i nuovi positivi erano stati 521, il 26 erano stati 389, picco il 27 novembre con 459 contagi, 258 il 28 novembre, 373 il 29 novembre, 346 il 30 novembre e 304 il 1 dicembre; complessivamente sono quindi 2.600 i nuovi contagiati.

Dall’inizio dell’epidemia nel Salernitano si contano 1994 guariti (220 nell’ultima settimana).

Il bollettino di oggi, 1 dicembre, in Campania

Il bollettino sull’emergenza coronavirus in Campania per la giornata di oggi, 1 dicembre, riporta 1113 nuovi casi su 9241 tamponi processati. I nuovi guariti sono 2713 per un totale di 51.832. Si contano anche 48 morti per un totale di 1721 decessi.


Leggi anche:

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto