Coronavirus, impennata di positivi nel Salernitano: 17 contagi in 6 giorni

coronavirus-caste-san-giorgio-guariti-positivi

Il coronavirus torna a far paura nel Salernitano dove si registra una nuova impennata di positivi. Ai 10 contagi registrati, si aggiungono altri 7

Il coronavirus torna a far paura nel Salernitano dove si registra una nuova impennata di positivi. Ai dieci contagi registrati negli ultimi 6 giorni, si aggiungono altri sette, emersi ieri dai laboratori del Ruggi e di Eboli. Nel giro di solo 6 giorni si contano ben 17 positivi.

Nuova impennata di Positivi nel Salernitano: i dati

I casi a Salerno interessano la moglie del barista di via Prudente, al quartiere Carmine, dove lavora il pasticciere di Battipaglia risultato positivo una settimana fa, ed un bengalese. In provincia, invece, se ne contano tre riconducibili all’autista di Capaccio (moglie, genero e un amico del figlio) e due all’anziana di Casal Velino (badante e figlio).

In tutto, a partire da sabato scorso, sono 17 i contagi registrati in provincia, a cui vanno aggiunti quelli dei giorni precedenti e che riguardano un pasticciere di Battipaglia, un anziano di Nocera Superiore ri-positivizzatosi, la dottoressa del 118 (guarita) in servizio al Saut di via Vernieri, la collega del poliambulatorio di Pastena e il marito, per un totale di 22 persone nelle ultime due settimane. Una recrudescenza dei casi che si concentra, finora, intorno ad alcuni piccoli focolai. A Salerno, a destare attenzione, è il quartiere Carmine, dove si contano finora sei infettati.

I contagi in Cilento

Nuovi positivi si registrano a Capaccio e Casal Velino. Nel primo caso si tratta della moglie, del genero e di un amico del figlio dell’autista 58enne giunto sabato scorso al pronto soccorso di Salerno. L’uomo, che doveva sottoporsi, lunedì, all’esame del tampone presso l’unità speciale di continuità assistenziale, presentando qualche linea di febbre e lievi sintomi, aveva preferito anticipare i tempi e presentarsi al Ruggi.  Nel secondo caso, invece, a essere infettati sono la badante moldava e il figlio della 81enne di Casal Velino risultata positiva martedì, dopo un ricovero al San Luca di Vallo della Lucania. La donna vive da sola, accudita dalla badante, che sembra tornata in Italia da due settimane. Attualmente è all’Ospedale del Mare, dove è stata trasferita a causa di altra patologia concomitante col covid.

TAG