Coronavirus, solo sei contagiati negli ospedali del Salernitano: i dati incoraggianti

coronavirus

Coronavirus, buone notizie dagli ospedali del Salernitano: sono solo sei i pazienti contagiati e costretti ancora in ospedale

Coronavirus, sono solo 6 le persone contagiate e ricoverate negli ospedali del Salernitano. Dati incoraggianti dall’ultimo report dell’Asl sull’andamento epidemiologico: in provincia restano appena 26 positivi, di cui solo 6 costretti ancora in ospedale.

Solo sei contagiati negli ospedali: i dati incoraggianti

Sono quasi 600, le persone uscite dall’incubo, a fronte dei 688 casi totali registrati finora. Flash mob degli infermieri anti-covid, nel frattempo, dinanzi alla Prefettura, per chiedere di non essere dimenticati, dopo che per mesi sono stati indicati da tutti come eroi. Chiedono un adeguamento salariale e l’aumento degli organici.

I numeri

Un grosso passo in avanti rispetto ad appena 5 giorni fa, quando erano 10 i salernitani ospedalizzati tra le varie strutture della Campania, con 58 positivi e 563 guariti. Una rincorsa progressiva, continuata nonostante i timori legati alle graduali aperture delle ultime settimane. Il primo giugno, infatti, le persone ancora alle prese con il virus erano 89, i guariti erano 530. Numeri impensabili, se solo rapportati a quelli di un mese fa, quando si diede il via libera alla cosiddetta fase 2, con i positivi che erano quasi 400 in più.

Non da meno il rapporto tra i pazienti ricoverati nei reparti dedicati, passati dai 79 del 5 maggio scorso ai 10 di venerdì scorso. Attualmente, sono solo 6 gli ospedalizzati salernitani. Di conseguenza si sono svuotati i nosocomi dai pazienti covid e così anche i reparti dedicati hanno chiuso i battenti, con Polla, Vallo della Lucania ed Eboli per l’area sud della provincia, Ruggi e Da Procida, dove erano stati concentrati tutti i pazienti, essendo stato trasformato in ospedale dedicato, per Salerno città, e l’Umberto I di Nocera Inferiore sono covid-free. Al polo di Scafati la situazione è in via di azzeramento. Resta stabile il numero dei deceduti, fermi a 66. Di questi, il 65 per cento è compreso nella fascia d’età che va dai 70 ai 90 anni. Di pari passo col miglioramento del quadro epidemiologico, va evidenziato che non si manifestano picchi nei contagi. L’incidenza del virus rispetto ai tamponi quotidiani processati si mantiene costantemente intorno allo zero per cento.

Per quanto riguarda i dati dell’Unità di crisi della Regione, si registrano 2 decessi e 32 guariti in Campania. Il totale dei positivi è pari a 4.834 persone, su 223.302 tamponi esaminati. Nel dettaglio sono 428 i deceduti, mentre il totale dei guariti è di 3764 persone.

TAG