Cronaca

Salerno, dopo le Universiadi indagati Bonavitacola e Chechile

Corruzione Universiadi, indaga la Procura di Napoli. Tra i coinvolti dalle indagini – come rivelato da Leandro Del Gaudio sulle colonne de Il Mattino – ci sono l’imprenditore alberghiero Rocco Chechile, proprietario del Grand Hotel di Salerno (dove pernottavano molti atleti delle Universiadi) e  Fulvio Bonavitacola, avvocato di riconosciuto spessore professionale e vicepresidente della giunta regionale.

Corruzione e Universiadi, le indagini

Nelle ultime settimane la Procura di Napoli ha notificato un decreto di perquisizione a carico di Rocco Chechile. Contestualmente, è stato notificato un avviso di garanzia a Fulvio Bonavitacola.

L’intenzione degli inquirenti è quella di verificare quante volte il parlamentare abbia pernottato nell’hotel di via Lungomare Tafuri e quali sono state le condizioni di pagamento riservate al braccio destro del governatore Vincenzo De Luca.

Gli altri nodi da sciogliere

Si punta a far chiarezza anche sulla presenza di una parente di Bonavitacola, probabilmente con l’obiettivo di fugare l’ipotesi di un trattamento di privilegio riservato al parlamentare da parte dell’entourage dell’immobiliare.

 

Articoli correlati

Back to top button