Cronaca

Un anno di Covid, il 26 febbraio il primo caso in Campania: ora terza ondata e 570 morti

È passato un anno dal primo caso di Covid in Campania: era il 26 febbraio quando venne accertato il caso di positività a Montano Antilia

È passato un anno esatto dal primo caso di Covid in Campania: era il 26 febbraio quando venne accertato il caso di positività al coronavirus di una biologa 26enne ucraina proveniente da Cremona, dove risiede e lavora, che si è concessa qualche giorno di relax a Montano Antilia, paesino del Cilento.

Covid, il 26 febbraio il primo caso accertato in Campania

Dopo 365 giorni esatti, si contano poco meno di 45mila casi di positività accertati e quasi 570 i morti. Ora il Salernitano rischia la terza ondata, con altri 393 contagi comunicati dall’Unità di crisi, tra i quali 48 in città e 221 nell’Agro.

Primo caso Covid in Campania, la storia di Ivanna

Un anno fa in Campania si registrava il primo caso di Covid. La conferma arrivò il 26 febbraio quando una 26enne ucraina, tornata da Cremona, risultò positiva al Coronavirus. La giovane era tornata a Montano Antilia e fu proprio nel piccolo centro del Salernitano che si registrò il primo caso di Covid a livello regionale.

Ivanna, 26enne ucraina laureata in biologia, si era trasferita in provincia di Cremona dove lavora come microbiologa presso l’ospedale locale. Aveva deciso di raggiungere la Campania in treno e nei giorni precedenti la notizia del contagio, era stata a mangiare una pizza a Ceraso in compagnia del fidanzato e anche in piazza a Montano Antilia per la festa di Carnevale.

I primi sintomi e la scoperta del contagio

Nelle ore successive emersero i primi sintomi: fu accompagnata dai genitori all’ospedale di Vallo della Lucania prima di essere trasferita al Cotugno di Napoli. Emerse così il primo caso di Covid in Campania, seguito da quello di un avvocato di Napoli tornato da un viaggio di lavoro in Lombardia e quello di una 24enne casertana rientrata da Milano in auto con un’amica ed il fidanzato.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

 

 

Articoli correlati

Back to top button