Crepe e pericoli: il Comune chiude la scuola Materna di Fasanara

BATTIPAGLIA. Non ci sono le condizioni di sicurezza necessarie per aprire la scuola materna di Fasanara. Intonaco cadente, problemi strutturali e crepe impediranno l’inizio dell’anno scolastico nell’istituto di via Spineta. I circa quaranta bambini che frequentano la scuola saranno costretti ad appoggiarsi, per un minimo di due settimane, all’interno della materna del quartiere Aversana. Entrambe le […]

BATTIPAGLIA. Non ci sono le condizioni di sicurezza necessarie per aprire la scuola materna di Fasanara. Intonaco cadente, problemi strutturali e crepe impediranno l’inizio dell’anno scolastico nell’istituto di via Spineta. I circa quaranta bambini che frequentano la scuola saranno costretti ad appoggiarsi, per un minimo di due settimane, all’interno della materna del quartiere Aversana. Entrambe le scuole appartengono allo stesso istituto comprensivo “Sandro Penna”.

Dopo un primo monitoraggio all’interno delle varie scuole cittadine – che pochi giorni fa aveva prodotto una comunicazione ufficiale dell’ente che negava l’esistenza di particolari problematiche di sicurezza in vista dell’inizio dell’anno scolastico – ieri il Comune ha dovuto accendere il semaforo rosso a insegnanti e alunni della materna di Fasanara. «Ci sono problemi strutturali e crepe all’interno dell’edificio che impediscono l’inizio dell’anno scolastico in condizioni di sicurezza – ha spiegato Giuseppe Provenza, assessore ai lavori pubblici – serviranno altri controlli e dei lavori di riqualificazione che eseguiremo nel più breve tempo possibile».

«Ci vorranno almeno quindici giorni per consentire la riapertura dell’istituto – aggiunge poi l’assessore – Ci sono dei bambini e quindi i controlli devono essere approfonditi, come in tutte le altre scuole del territorio. L’apertura sarà posticipata al termine dei lavori. Le due classi materne, per un totale di circa quaranta alunni, si sposteranno provvisoriamente nella scuola del rione Aversana dell’istituto comprensivo “Penna”. Speriamo di concludere i lavori in tempi brevi e di restituire la scuola ad alunni e insegnanti». Il problema sicurezza nelle scuole cittadine. La questione della sicurezza all’interno degli istituti scolastici battipagliesi era stata sollevata anche la scorsa settimana, in occasione della riunione del consiglio comunale, dall’ex candidato sindaco Gerardo Motta. La maggioranza aveva assicurato una particolare attenzione sull’argomento. Dagli assessori Provenza e Gioia erano giunte ampie rassicurazioni all’assise ed alla città: «A pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico, i pronostici sono tutti positivi. Non ci saranno problemi per l’apertura delle scuole. L’impegno per la città da parte dell’amministrazione guidata dalla sindacaCecilia Francese ha permesso che verifiche attente sulle strutture scolastiche, compresa la manutenzione ordinaria e straordinaria, fossero effettuate in tempi stretti». «Sono state emesse certificazioni afferenti i requisiti sufficienti per lo svolgimento delle attività didattiche e non negli istituti scolastici – avevano affermato – Accertata e certificata la manutenzione ordinaria e straordinaria effettuata dagli operai di Alba. È stato, inoltre, garantito il rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale nelle vicinanze dei plessi». Peccato che la scuola materna di Fasanara rappresenti la classica eccezione. Nella giornata di ieri, intanto, la sindaca Francese ha inviato una lettera di auguri agli insegnanti, ai dirigenti scolastici, alle famiglie e agli studenti per l’inizio dell’anno scolastico. “Auguri di un buon anno scolastico, auguri sinceri da parte mia, degli assessori e da parte dell’intero consiglio comunale – ha scritto la prima cittadina – Sperando che quest’anno scolastico sia foriero di crescita e maturazione».

TAG