Cronaca

Da Salerno all’Austria per le cure: la Regione Campania concede altri due mesi a Donato Lambiasi

BARONISSI. “Una buona notizia: la Regione Campania ha concesso la proroga – per altri due mesi – per le cure di Donato, il ragazzo 25enne ricoverato in Austria per costose cure riabilitative. E la maratona solidale continua. In tutte le manifestazioni promosse nell’ambito del cartellone culturale estivo del Comune di Baronissi, è possibile effettuare una donazione per sostenere le cure del ragazzo. Aiutiamo Donato!”. Questo il messaggio pubblicato sulla pagina Facebook istituzionale dal Comune di Baronissi, poche ore fa.

Un messaggio che offre nuove speranze e fa finalmente sorridere amici e parenti di Donato Lambiasi.

La storia di Donato Lambiasi

Donato ha 25 anni ed è in clinica da tre anni. Prima a Imola, poi a Sant’Angelo dei Lombardi, ora a Hochzirl, Tirolo, 16 chilometri da Innsbruck.
L’inizio della storia, però, è a Salerno, la sera del 30 gennaio 2016. Donato Lambiasi all’epoca è un ragazzo di 22 anni che vive con la famiglia in provincia di Salerno, a Baronissi, studia all’Università, tifa per la Salernitana e per arrotondare va a consegnare pizze a domicilio con lo scooter. Oggi si chiamano rider, sono ormai una categoria e ancora rivendicano tutele.

L’ultima consegna della giornata Donato non riesce a portarla a termine: lungo la strada un’auto lo travolge, l’impatto è violentissimo, il ragazzo vola lontano e poi sbatte a terra. In ospedale gli trovano ossa rotte in tutto il corpo, ma il problema è un altro: il suo cervello è seriamente compromesso.

Ha subito «danni assonali diffusi», recita la diagnosi. Per spiegarlo ai genitori, i medici ricorrono a un esempio molto comprensibile: a causa dell’urto il cervello di Donato ha vibrato a tal punto che è come se fosse stato shakerato. E si sono rotti tutti i collegamenti con l’apparato motorio. «Se sopravviverà, rimarrà per sempre in stato vegetativo», è la sentenza finale.

La storia di Donato Lambiasi

E invece la forza di Donato e quella di sua mamma Lella Patente hanno cambiato il corso di questa tragedia. Che sempre una tragedia rimane, ma oggi Donato non è un vegetale. Non parla ma comunica, non cammina ma riesce a muovere il braccio e la gamba di sinistra. E riesce pure a mangiare, non ha bisogno di una flebo per alimentarsi. E così ancora somiglia a quel ragazzone che era quando stava bene. Un metro e ottantacinque di altezza, 80 chili di peso.

«Tirarlo su nel letto o sistemarlo sulla sedia a rotelle è una fatica incredibile», racconta sua mamma, che da quella sera di gennaio di due anni fa non si è mai allontanata dal figlio. È stata accanto a lui nelle due cliniche italiane e ora si è trasferita in Austria, dove ha preso in affitto una stanza che da sola le costa 1.500 euro al mese.

Lella ha lasciato il lavoro, dopo essere stata in aspettativa non retribuita, e sta spendendo tutta la liquidazione per le cure del figlio. Perché è vero che Donato ha avuto un risarcimento, ma quei soldi la madre non li può toccare, li gestisce un giudice tutelare, lei è l’amministratrice giudiziaria ma deve chiedere l’autorizzazione anche per spostare un euro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button