Diabete e malattie metaboliche, la dieta chetogenica è una terapia?

Nonostante vengano sconsigliate a causa del probabile rischio di effetti collaterali associati all’induzione di chetosi, esistono degli studi che suggeriscono la dieta chetogenica come valido strumento terapeutico per le persone affette da malattie metaboliche associate ad insulino-resistenza quali:obesità, diabete mellito di tipo 2, steatosi epatica non alcolica e sindrome dell’ovaio policistico. Stando a quanto racconta […]

Nonostante vengano sconsigliate a causa del probabile rischio di effetti collaterali associati all’induzione di chetosi, esistono degli studi che suggeriscono la dieta chetogenica come valido strumento terapeutico per le persone affette da malattie metaboliche associate ad insulino-resistenza quali:obesità, diabete mellito di tipo 2, steatosi epatica non alcolica e sindrome dell’ovaio policistico.

Stando a quanto racconta il portale “Sanihelp.it”, le diete chetogeniche sono ipocaloriche, con un apparato energetico inferiore a 800kc al giorno e caratterizzate da un rapporto di carboidrati inferiore a 50 grammi. Carenza di glucosio è uno dei punti principali di questa dieta, essa induce ad uno stato di chetosi, ossia la produzione di corpi chetonici a partire dai grassi presenti nei tessuti che vengono utilizzati per produrre energia.