Cronaca

Diego cade dal quarto piano e muore poco dopo: domani l’ultimo saluto del barman salernitano

Resta aperta, però, l’inchiesta sulle cause del decesso

Continua il giallo sulla caduta fatale dal quarto piano di Diego Mandola, 36enne saprese morto in Francia: domani si celebreranno i funerali presso la Chiesa Madre dell’Immacolata, in Piazza Plebiscito. È stata eseguita nella giornata di giovedì 1 settembre, l’autopsia sul corpo della vittima, originaria di Sapri. Resta aperta, però, l’inchiesta sulle cause del decesso.

Diego cade dal quarto piano e morto in Francia: domani i funerali

La salma del barman salernitano è stata liberata dalle autorità francesi e riconsegnata alla famiglia, nel suo paese di origine. Il giovane sarebbe precipitato dal quarto piano del palazzo dove risiedeva in Francia, ad Évian-les-Bains, per cause ancora in corso di accertamento.

Giovedì è stata prima effettuato un esame esterno poi eseguita l’autopsia sul corpo per non lasciare nulla al caso. Nei prossimi giorni si capirà la natura del decesso del giovane. Intanto nella notte tra oggi e domani arriverà la salma per poi essere celebrati i funerali.

Diego Mandola, 36enne di Sapri morto in Francia: l’autopsia

Dietro la morte del cameriere di origini sapresi ci sarebbe una caduta accidentale, ma tutto è ancora da accertare. I parenti del 36enne chiedono di conoscere le cause esatte della scomparsa del figlio. Ecco perché si sono affidati ad un avvocato e sono in stretto contatto con la Farnesina. Diego Mandola lavorava come cameriere in Francia dove è morto dopo essere caduto dal tetto-terrazzo di una palazzina di cinque piani. Il 36enne, da tempo, lavorava in un ristorante siciliano a Thonon-les-Bain, nell’alta Savoia francese. Il giovane salernitano, stando al racconto del titolare del locale, avrebbe terminato di lavorare per poi fare rientro nella sua camera da letto.

La ricostruzione della tragedia

Diego dormiva in una stanza situata al quarto piano della palazzina che ospita lo stesso ristorante. Nelle stesse stanze alloggiano altri cinque dipendenti dello stesso locale. Lo scorso 30 agosto, dopo il turno di lavoro, Diego Mandola si è cambiato nella sua camera e sarebbe salito sul tetto. Per cause ancora da chiarire, è scivolato giù, finendo violentemente nel piazzale sottostante.

All’arrivo dei sanitari sul posto, il 36enne originario di Sapri era ancora vivo. Hanno provato in tutti modi a tenerlo in vita, ma poco dopo non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Il suo cuore avrebbe cessato di battere mezz’ora dopo la caduta, che sarebbe avvenuta intorno alle 4,30, tra martedì e mercoledì scorsi. La famiglia sarebbe stata informata della tragedia diverse ore dopo, intorno alle 13. Restano avvolte nel mistero le cause del tragico accaduto.

 

Articoli correlati

Back to top button