Cronaca

Disastro aereo Addis Abeba: l’Unisa piange la morte di Gathumbi e Minae

SALERNO. Il lutto generato dal disastro aereo di Addis Abeba ha colpito anche l’Università di Salerno: i docenti Gathmbi e Minae erano stati di recente ospiti del rettore Tommasetti.

Addio ai docenti Gathumbi e Minae: anche Unisa in lutto per le vittime dell’Addis Abeba

L’Università degli Studi di Salerno e il Rettore Aurelio Tommasetti in lutto per la morte della professoressa Agnes W. Gathumbi e del dottor Isaac Mwangi Minae, scomparsi tragicamente nel disastro aereo di Addis Abeba. I due docenti erano stati dell’Ateneo salernitano lo scorso venerdì, nell’ambito di un incontro di collaborazione internazionale.

Insieme ad altri 20 docenti, provenienti da 8 Paesi, Tommasetti e le due vittime avevano discusso di università, interscambi culturali e impegni futuri. La scomparsa di Gathumbi, Direttore del Dipartimento “Teacher Professional Development and Excellence” e di Minae, ricercatore presso il medesimo dipartimento, ha letteralmente scioccato l’intera comunità accademica internazionale. L’Unisa approfitta di questo terribile momento per esprimere il proprio cordoglio.

Ecco il post Facebook del Rettore Aurelio Tommasetti:

“Abbiamo appena appreso la tragica notizia della scomparsa, in seguito al disastro aereo di Addis Abeba, della professoressa Agnes W. Gathumbi e del dott. Isaac Mwangi Minae, ospiti del nostro Ateneo nella giornata di venerdì, nell’ambito di un incontro di collaborazione internazionale.

Insieme ad altri 20 docenti, provenienti da 8 Paesi, abbiamo discusso di università, interscambi culturali e impegni futuri.
La notizia della scomparsa della prof.ssa Gathumbi, Direttore del Dipartimento “Teacher Professional Development and Excellence” e del dott. Minae, ricercatore presso il medesimo dipartimento, ci lascia sgomenti e vicini nel dolore che coinvolge la comunità accademica internazionale. Tutta la nostra Università esprime il più sincero e profondo cordoglio”.


Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button