CronacaEventi e cultura

Un altro successo per il salernitano Rocco Hunt: “Buonanotte Amò” è disco d’oro

Ancora un disco d’oro per Rocco Hunt, cantante e rapper salernitano originario della zona orientale della città. Un grande successo per “Buonanotte Amò”, ultimo brano di Rocco Pagliarulo che ha così portato a casa un altro disco d’oro come sottolinea l’edizione odierna de Il Mattino. Il brano infatti ha superato la soglia delle 35mila copie vendute.

Disco d’oro per Rocco Hunt con “Buonanotte Amò”

Una bella soddisfazione per l’artista salernitano, alle prese con l’annullamento del suo tour a causa dell’emergenza coronavirus che ha fatto slittare tutti gli eventi musicali di quest’anno. Il brano “Buonanotte Amò” inoltre ha superato i 14 milioni di visualizzazioni su Youtube. Un altro traguardo che certifica il talento del rapper salernitano.

Cos’è e quando si assegna il disco d’oro

Il disco d’oro viene inventato negli Stati Uniti nel 1942: in soli tre mesi il 78 giri di Glenn Miller I Know Why/Chattanooga Choo Choo vendette un milione di copie, e per celebrare l’evento la sua casa discografica gli regalò un riconoscimento simile a un disco a 78 giri dipinto d’oro. Nel dopoguerra l’assegnazione del disco d’oro venne ufficializzata e si diffuse anche all’estero, diventando un attestato dell’industria discografica. Negli anni successivi, con l’espandersi del mercato, furono creati altri premi come il disco di platino per i dieci milioni di copie e il disco d’argento per le 500 000 copie.

Il primo disco d’oro assegnato in Italia se lo aggiudicò Natalino Otto con Non dimenticar (che t’ho voluto bene) (1952). Nel 1957 Marino Marini vinse il premio con Guaglione, che vendette un milione di copie solo in Francia. Domenico Modugno nel 1958 vinse sia il disco d’oro che il disco di platino con Nel blu dipinto di blu (1958), che vendette ben 22 milioni di copie di cui 800 000 in Italia. Nel decennio successivo vari altri artisti italiani otterranno il disco d’oro vendendo un milione di copie, come Rita PavoneBobby Solo che, vendendo due milioni di dischi con Una lacrima sul viso, ne otterrà addirittura due.

Il primo 33 giri ad ottenere il disco d’oro in Italia fu La voce del padrone di Franco BattiatoOtello Profazio fu invece il primo ad ottenere il disco d’oro con un album folk, Qua si campa d’aria. Nel corso degli anni, il numero di copie minimo necessario al conferimento del disco d’oro è stato rivisto verso il basso, a causa di una fruizione della musica sempre meno legata al supporto fisico, ed è diverso da nazione a nazione. In Italia è sceso nel 1972 da un milione a cinquecentomila copie e nell’autunno 1982 da cinquecentomila a trecentomila; dal 2014, la soglia per il disco d’oro per gli album è pari a 25 000 copie, mentre per i singoli, dal 2020, è stata fissata a 35 000 copie.

Il brano di Rocco Hunt

Il testo

Rimm tu che n’agg fa e sti suonn
Rimm mo che n’agg sti sord
Si chelli vot ca cercav a te
Ij t nguntrav semp rint e ricord
Rimm tu che n’agg fa e sta gent
Ca m fa pur a facc sorrident
Senza sape che a guerr a teng a rint
Sto improvvisann nu sorris fint
Buonanott amo’ ce sentimm riman
Nun m mport e che ore so
Vogl ca mo rimman
Verimmc int e suonn si m scet scumpar
E vot nun daj valor quand a tien int e man
E mo e fernut accussì (e fernut accussì)
Ognun a cas ra soj (ognun a cas ra soj)
Nun ce putimm capì (nun ce putimm capì)
Fin quand l’anem è sol (fin quand l’anem è sol)
Ress aret tutt cos si m turnassr a te
Quand m manc nu cunsigl e t vuless vre
Percio’ a vot t sonn (percio’ a vot t sonn)
T ric chell che prov (t ric chell che prov)
Rint a vit semp a corr’r aret a chi nun c’ha aspett
Chi t ric chest è l’ultim annasconn’n o pacchett
L’hann vist nziem a n’ata uaglion
Mentr a te giurav che ir tutt a vita soj
Tutt e cumpagn toj nun ponn maj capì
Chell che tien arint, è stat scem a t tradì
Nun t n mport chiu’ e nient, nun vir e nu sient
Stu cor mo e i ghiacc, nun rispunn e messagg
Percio’ abball rint a pist mentr o dj son
E t n viv n’at, t’arrtir tard
Quann s n’accorg staj sicur chiagn
P piglià na pret e pers a nu diamant
E mo e fernut accussì (e fernut accussì)
Ognun a cas ra soj (ognun a cas ra soj)
Nun ce putimm capì (nun ce putimm capì)
Fin quand l’anem è sol (fin quand l’anem è sol)
Ress aret tutt cos si m turnassr a te
Quand m manc nu cunsigl e t vuless vre
Percio’ a vot t sonn (percio’ a vot t sonn)
T ric chell che prov (t ric chell che prov)
Vuless a te vicin sì m sent a piezz
Ca finalment liev a chill a miezz
Nun crer chiu’ a sti parol
Nun c crerev a criatur figurammc mo
E vuless e t vre senza chest’ansia appriess
Ca finalment liev a rob a miezz
Nun crer chiu’ a sti parol
Nun c crerev a criatur figurammc mo
E vuless, vuless, vuless
E mo e fernut accussì (e fernut accussì)
Ognun a cas ra soj (ognun a cas ra soj)
Nun ce putimm capì (nun ce putimm capì)
Fin quand l’anem è sol (fin quand l’anem è sol)
E mo e fernut accussì

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto