Cronaca

Dolore per la scomparsa di Gianluigi Piegari, il medico del 118 morto a 36 anni per Covid | Era originario del salernitano

Dolore e lacrime per la morte di Gianluigi Piegari, il medico del 118 morto a 36 anni per Covid. Era originario del Vallo di Diano

Dolore e lacrime per la morte di Gianluigi Piegari, il medico del 118 morto a 36 anni per Covid. Era originario del Vallo di Diano, precisamente di Sala Consilina.

Dolore per la morte di Gianluigi Piegari, il medico del 118 morto a 36 anni per Covid

Gianluigi tra pochi mesi sarebbe diventato papà per la prima volta, lascia infatti una compagna incinta  al quinto mese di gravidanza. Oltre a lavorare da anni sulle ambulanze e sulle automediche del 118 il 36enne – specializzato in chirurgia estetica –  lavorava anche nel suo studio medico ad Albano Laziale dove il padre esercita come dentista. Il medico era ovviamente vaccinato con il monodose Johnson & Johnson.

Il ricordo della compagna di Gianluigi Piegari

Tantissimi i messaggi di cordoglio e ricordo, tra cui tanti colleghi che ricordano la disponibilità e la dedizione . Toccante e dolce il messaggio della compagna Martina: “Era impossibile non amarlo. Una persona ben voluta da tutti, sempre pronta ad aiutare il prossimo. Era un uomo buono con tutti, non solo con i suoi pazienti a cui dedicava anima e cuore, oltre che la sua professionalità, ma anche con chi aveva appena conosciuto o con chi aveva avuto l’onore ed il piacere di incontrarli. Ci amavamo da 25 anni, da quando eravamo piccoli. Siamo cresciuti ed abbiamo fatto la nostra vita sempre insieme. Nella nostra nuova casa a Cecchina volevamo far crescere nostro figlio. Ancora non riesco a credere che non sia più qui con me”.


Articoli correlati

Back to top button