Cronaca

Scafati, donna trovata nel bagno di casa con un taglio alla gola

Una donna è stata trovata con un taglio alla gola nel bagno di casa. È successo a Scafati dove a trovare la donna riversa in una pozza di sangue sarebbe stato il marito come riportato dal Mattino.

Donna con un taglio alla gola, mistero a Scafati

È in gravi condizioni una casalinga di Scafati di 44 anni, ricoverata nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Nocera Inferiore.  I militari, coordinati dal tenente colonnello Rosario Di Gangi, stanno provando a ricostruire la dinamica dei fatti per far luce su quello che, al momento, resta un giallo.

I fatti

L’episodio è accaduto ieri mattina intorno alle 6 in un appartamento di via Manzoni, vicinale Fratta, nei pressi di piazza Bagni. È stato il marito della donna a lanciare l’allarme, dopo aver trovato la moglie a terra nel bagno, con la gola tagliata. L’uomo ha allertato il 118 che, con un’ambulanza, ha trasportato la 44enne in ospedale, a Nocera Inferiore. Le sue condizioni sono apparse subito gravi; sul collo la casalinga aveva un taglio di dieci centimetri, che le aveva procurato una forte emorragia.

L’intervento

La donna è stata trasferita tempestivamente in sala operatoria per sottoporla ad un delicato intervento, eseguito dall’equipe chirurgica del reparto di Otorinolaringoiatria, coordinata dal primario Remo Palladino. I chirurghi Francesco Faiella e Giuseppe Di Mauro hanno lavorato per alcune ore per ricostruire la trachea e bloccare l’emorragia in corso, con la legatura dei vasi lesionati. Anche le corde vocali erano state recise. Il taglio, di circa dieci centimetri, era verticale e profondo, provocato sicuramente da una lama. L’intervento è riuscito, ma le condizioni della donna restato gravi anche per il sopraggiungere di un problema polmonare scaturito dalle lesioni riportate.

Le indagini

I carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore, agli ordini del tenente colonnello Rosario Di Gangi, indagano per ricostruire la dinamica di quanto è accaduto.

Il marito della donna, interrogato dagli inquirenti, ha confermato più volte la sua versione: avrebbe trovato la moglie nel bagno, esamine, sul pavimento, con la ferita alla gola. L’operaio ha riferito che in casa dormivano tutti quando si è consumata la tragedia. Lui, nella camera da letto, i due figli piccoli nelle loro stanze. Il 46enne si sarebbe svegliato, intorno alle sei, meravigliandosi del fatto che la moglie non fosse accanto a lui, nel letto. Da lì la decisione di andarla a cercare.

L’ipotesi di suicidio

L’ipotesi più accreditata, in questa fase, è il tentativo di suicidio anche se non sembra che la casalinga di Bagni soffrisse di depressione o avesse problemi di natura psichica.

Articoli correlati

Back to top button