Droga in Costiera Amalfitana: arrestato corriere al Valico di Chiunzi

incidente-stradale-baronissi-arrestato-conducente-ubriaco

Droga in Costiera Amalfitana: i carabinieri hanno arrestato un corriere napoletano al Valico di Chiunzi. Portava con sé 35 grammi di cocaina

Droga in Costiera Amalfitana: i carabinieri hanno arrestato un corriere napoletano al Valico di Chiunzi. Portava con sé 35 grammi di cocaina.

Droga in Costiera Amalfitana: scattano le manette per un napoletano

Nella scorsa notte i militari dell’Aliquota Radiomobile hanno tratto in arresto un 32enne originario di Cercola ma residente a Napoli, già noto alle forze dell’ordine, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Le manette sono scattate durante un posto di controllo lungo la Strada Provinciale 2 che collega la Costiera ai paesi vesuviani. La pattuglia in servizio una vettura che viaggiava spedita proveniente dal Valico di Chiunzi: fin da subito il conducente dell’auto è apparso agitato, e a domanda specifica non è stato in grado di motivare la sua trasferta dall’hinterland napoletano.

A questo punto i Carabinieri hanno voluto vederci chiaro, procedendo a un controllo accurato della persona e della vettura: ispezionando con una torcia i passaruota del mezzo, è stato notato un sospetto rattoppo in nastro isolante, che al tatto è apparso amovibile.

Una volta staccato, i militari hanno trovato la sorpresa: dietro il nastro nero era attaccato un involucro contenente verosimilmente sostanza stupefacente. L’uomo è stato quindi sottoposto a fermo e portato in caserma per gli accertamenti preliminari.

Ben 35 grammi di cocaina, in dosi, per un valore di circa 5mila euro erano custoditi in quell’involucro. La “roba” era destinata al mercato illecito della Costiera Amalfitana.

Per quanto rinvenuto e per le modalità di occultamento, il giovane è stato arrestato e, contattato il magistrato di turno della Procura della Repubblica di Salerno, è stato condotto presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.

TAG