Cronaca

Droga a Paestum: chiesta la conferma delle condanne per il clan Rossi

PAESTUM. Il procuratore generale ha chiesto la conferme delle condanne in primo grado per gli esponenti del clan Rossi, reputati a capo dello spaccio di droga a Capaccio Paestum.

Il clan Rossi torna in aula: chiesta la conferma delle condanne in primo grado per lo spaccio di droga

Gestivano lo spaccio di droga nella cittadina dei templi e nei centri limitrofi. Per i vertici del clan Rossi (padre e figlio) e i solidali il procuratore generale ha chiesto ai giudici della Corte di Appello di Salerno, la conferma della pena, inflitta in primo grado. In 19, questa mattina, sono comparsi dinanzi ai giudici del secondo grado di giudizio del Tribunale di Salerno. In primo grado i 19 imputati avevano scelto riti alternativi all’ordinario. All’epoca il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Salerno, inflisse 16 anni di carcere a Giancarlo Rossi, figlio dell’ex boss cutoliano Umberto Rossi condannato a 14 anni e 10 mesi. Giancarlo prima ed il padre dopo erano al vertice del sodalizio dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Le altre condanne: Salvatore Maresca, 16 anni; Mario Grimaldi,12 anni; Mario Di Mieri, 10 anni; Antonio Buonora, 8 anni; Lucido Valentino Venturiello, 8 anni; Francesco Rossi, 7 anni e 8 mesi; Raffaele Russo, 6 anni e 8 mesi; Carmine Marrazza, 6 anni e 8 mesi; Costantino Leo, 6 anni e 8 mesi; Roberto Maresca, 6 anni; Mario Menechini 6 anni; Silvia Seno 6 anni; Gianluigi Strianese, 5 anni e 8 mesi; Saleh Errechiech 4 anni e 4 mesi; Sylvia Helena Markowska, 3 anni e 10 mesi; Adrian Daniel Markowska, 3 anni e 10 mesi e Mirko Ruggieri 2 anni. A capo del sodalizio criminale, smantellato dai carabinieri nel luglio 2017, vi era Umberto Rossi, 70 anni, meglio conosciuto come “Umberto o napulitan”, ex affiliato al disciolto clan della Nuova Camorra organizzata di Raffaele Cutolo. Rossi arriva al vertice del sodalizio criminale dopo l’arresto del figlio Giancarlo.

Fino a quel momento era lui a detenere il controllo dello spaccio, dei rifornimenti e i contatti con la rete di pusher. Quando Giancarlo Rossi fu arrestato i fornitori napoletani di stupefacenti rivendicarono un debito, contratto appunto da Giancarlo, pari a 50mila euro. Una somma che avrebbe portato al dissesto l’intera famiglia. Fu così che Umberto, il capofamiglia decise di prendere in mano la situazione mettendosi al vertice del sodalizio criminale che deteneva le piazze di spaccio a sud della provincia.


Le Cronache

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto