Cronaca

Piana del Sele, pm chiede condanne per gli artefici del patto con gli ‘ndranghetisti

Droga nella Piana del Sele, chiesta la condanna per il clan. I pm chiedono il carcere per i principali protagonisti dell’inchiesta culminata nel mese di giugno con l’emissione di 15 misure cautelari.

Droga nella Piana del Sele, la vicenda

Come riporta Il Mattino nell’articolo a firma di Viviana De Vita, i campagnesi avevano siglato un patto criminale nato dietro le sbarre, Quel patto aveva portato all’unione della famiglia Del Giorno di Campagna con la cosca ‘ndranghetista calabrese dei Giorgi.

Un legame finalizzato alla fornitura di grossi quantitativi di stupefacenti: così, dopo ogni trasferta a San Luca, i campagnesi si rifornivano di cocaina e marijuana da destinare alle principali piazze di spaccio della piana del Sele.

Le richieste dei pm

Nella giornata di ieri, venerdì 13 dicembre, davanti al gup del tribunale di Salerno Gerardina Romaniello, si è aperta l’udienza preliminare a carico degli imputati. Questi sono accusati di aver messo in piedi un’associazione finalizzata allo spaccio di stupefacenti. Di seguito le richieste del pm Marco Colamonici:

  • Cinque anni e quattro mesi per Luigi Del Giorno (43 anni);
  • quattro anni per Massimo Cerrone
  • quattro anni per Angelo Fezza;
  • un anno per Daniele Formisano
  • due anni e cinque mesi per Francesco Giorgi
  • quattro anni per Pasquale Moccaldi
  • un anno per Aldo Pastore
  • un anno e otto mesi per Remigio Vitale

Le sorelle gemelle Gerarda e Isabella Del Giorno e i figli di quest’ultima Raffaele Liliano, 28 anni e Nancy Liliano, 26 anni, hanno chiesto il patteggiamento.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button