Droga a Salerno, lo “zio” Persico in silenzio: “Sono pulito da oltre 20 anni”

salerno-arresti-droga-9-giugno-ciro-persico-chi-e

Droga a Salerno, Ciro Persico in silenzio dinanzi al gip del Tribunale di Salerno: "Non c'entro nulla con questa storia, sono pulito da oltre 20 anni"

Si è avvalso della facoltà di non rispondere Ciro Persico, rimasto in silenzio dinanzi al gip del Tribunale di Salerno. Lo “zio”, finito in manette lo scorso 9 giugno nel blitz anti-droga che ha portato all’arresto di 38 persone, è ritenuto al vertice del gruppo che distribuiva grossi quantitativi di droga nel centro storico di Salerno e non solo.

Ciro Persico resta in silenzio

Come riportato da Il Mattino nell’articolo a firma di Angela Trocini, Persico è rimasto in silenzio al pari del fratello Antonio rendendo solo una breve dichiarazione spontanea: “Non c’entro nulla con questa storia, sono pulito da oltre 20 anni e andavo a trovare mio fratello solo per coordinare la sua difesa. Mi diceva cosa doveva comunicare ai suoi avvocati e facevo da tramite con il suo psichiatra”. Anche gli altri interrogati di ieri, sabato 13 giugno, hanno scelgo di non rispondere:

  • Eugenio Siniscalchi;
  • Salvatore Amato;
  • Michele Sica;
  • Patrizio Cerrito;
  • Alfonso Fruncillo.

Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

 

TAG