Cronaca

Eboli, 60 anni del Campolongo Hospital. De Luca: «Polo di eccellenza»

EBOLI. Pubblico delle grandi occasioni martedì 19 dicembre al Campolongo Hospital  per festeggiare i sessant’anni dalla fondazione del nosocomio ebolitano.

Nella gremita sala convegni della struttura sanitaria, alla presenza delle autorità militari, civili e religiose, hanno preso la parola il direttore generale Gianfranco Camisa, il sindaco di Eboli Massimo Cariello e il governatore della Campania on. Vincenzo De Luca.

Il direttore generale ha ripercorso la storia del Campolongo Hospital a partire da quell’agosto del 1957 quando, a Trieste, tutto ebbe inizio, ha poi ricordato i momenti di difficoltà  di questi anni, sottolineando come le stesse siano state superate con abnegazione e sacrifico non tralasciando, però, l’aspetto dell’innovazione della struttura e delle strumentazioni ed il continuo aggiornamento delle risorse umane, augurandosi, infine, una sempre più stretta collaborazione con le istituzioni.

Il sindaco Massimo Cariello ha invece messo in risalto il grande contributo che la struttura sanitaria da sessant’anni apporta al territorio ebolitano, in termini di immagine, assistenza sanitaria e anche dal punto di vista occupazionale.

Le conclusioni sono state affidate al governatore Vincenzo  De Luca, che dopo aver visitato la struttura ed essersi complimentato per il livello di eccellenza raggiunto, ha evidenziato il grande sforzo che l’ente regionale sta attuando per riportare la Sanità Campana ad un livello di normalizzazione finanziario e burocratico, che cammina di pari passo a quello rivolto alla innovazione e alla creazione di una sanità di eccellenza sia pubblica sia privata, nella quale, ha sottolineato, il Campolongo Hospital si inserisce a pieno diritto.

Una riforma totale, che parte dalla digitalizzazione dei servizi, fino all’assunzione di nuovi operatori e che coinvolgerà non solo strutture ospedaliere e Asl, ma tutti i protagonisti della sanità regionale.

La serata si è conclusa con il brindisi di auguri di rito e con il taglio della torta alla presenza dei dipendenti, degli invitati e dei pazienti che si sono uniti ai festeggiamenti.

Articoli correlati

Back to top button