Cronaca

Eboli, anziana viene sfrattata da casa: fugge e la fa esplodere

EBOLI. Esplosione nel palazzo Merola, al rione Borgo di Eboli. Feriti quattro residenti, in via Europa. La deflagrazione è avvenuta ieri alle 16.30, in un’abitazione al terzo piano. La pensionata era andata via, temendo di essere sfrattata nei prossimi giorni. Ieri mattina i vigili urbani sono giunti in zona, per sottoporla a un trattamento sanitario obbligatorio.

La signora Ida avrebbe lasciato la stufa accesa su un divano letto, all’ingresso dell’abitazione. Nell’appartamento c’erano sei bombole ma non sono esplose. I vigili del fuoco avrebbero rinvenuto anche delle armi da fuoco, appartenute a un parente della donna.

A provocare il botto è stata una bomboletta spray, secondo i vigili del fuoco. Gli inquilini sono fuggiti per le scale: «La visibilità era scarsissima, il fumo acre ci ha intossicati», racconta Giuseppe Cicalese, dirigente del Pd, uno dei residenti ricoverati in ospedale. Al quarto piano abita l’assessore Lazzaro Lenza. A lui è andata meglio, il fumo non lo ha intossicato.

Oltre a Cicalese, in ospedale sono stati curati Gianluca Fiorillo, Daniele Ruggiero e Michele Marruso. Ferito alla mano anche un infermiere, Giuseppe D’Elia: «Sono salito per le scale, c’erano delle signore anziane al quarto piano. Erano terrorizzate dal fumo, stavano sul balcone di casa e gridavano». L’incendio e il fumo al terzo piano hanno invaso le scale e gli appartamenti: «Abbiamo sfondato la porta di ingresso – ricorda Cicalese – spegnendo l’incendio. La lotta contro il fumo è stata micidiale».

Al pronto soccorso, il primario Cembalo, traccia un bilancio dei feriti: «Sono quattro, tutti con lievi intossicazioni». In zona sono giunti i vigili urbani che hanno chiuso al traffico il quartiere Borgo. Ieri sera, la causa dell’esplosione era ancora ignota: «Nell’appartamento abbiamo rinvenuto sei bombole, poteva saltare in aria tutto il palazzo», racconta Matteo Memoli, caposquadra dei vigili del fuoco. 

I vigili urbani, ieri mattina, sono passati in zona con un’assistente sociale. La donna al terzo piano doveva essere sottoposta a un trattamento sanitario obbligatorio. Il sindaco aveva firmato le carte nei giorni scorsi. Giunti in via Europa, i vigili non hanno trovato la pensionata e sono andati via. Nel pomeriggio c’è stata l’esplosione.

«La signora Ida viveva in condizioni disumane – raccontano le donne del quartiere – domenica scorsa è venuta una ditta di pulizie, è andata via con cinque sacchi neri, erano pieni di rifiuti». Una donna sola, abbandonata a se stessa. Così viene descritta la signora Ida. La pensionata temeva di essere sfrattata. È andata via dall’appartamento, ieri, lasciando la stufa accesa su un divano letto, sapendo forse cosa sarebbe successo poche ore dopo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button