Eboli, assegnazione del servizio ambulanze: ricorso per la società sconfitta

tribunale

Si è rivolta ad un avvocato, l'Associazione Croce Gialla di Campagna, in quanto pare che, all'interno della gara, ci sono state delle evidenti anomalie

EBOLI. Stando a quanto riporta il quotidiano “Il Mattino”, l’associazione della Croce Gialla si è rivolta ad un avvocato e porterà al Tar la vicenda dell’assegnazione della gara per il 118. La lite è esplosa presso il servizio di emergenza territoriale del 118. La Croce gialla di Campagna è arrivata due punti sotto rispetto ad un’associazione di volontari pontecagnanesi. Tuttavia, pare che leggendo le carte, appaiono delle anomalie. I sospetti saranno confermati o smentiti nelle prossime ore. «Abbiamo richiesto l’accesso agli atti perché ci risulta una grave anomalia – spiega l’avvocato De Vivo, legale della Croce gialla – la ditta che ha vinto la gara ha utilizzato un nome diverso da quello presente nel registro regionale».

Alla gara possono partecipare solo le società regolarmente iscritte alla Regione Campania. e i nomi non coincidono, c’è l’esclusione. Si tratterebbe dunque, di un falso clamoroso che comprometterebbe gli equilibri, invalidando così l’assunzione. «Aspettiamo fiduciosi- conclude il legale – e il nostro sospetto verrà confermato, adiremo le vie legali non solo in sede amministrativa».

TAG