Eboli, malato di tumore attende 10 ore al pronto soccorso del Ruggi

salerno-ospedale-riapertura-ambulatori-18-maggio

Attesa di 10 ore al pronto soccorso del Ruggi di Salerno per un malato oncologico di Eboli. Il 60enne è stato lasciato per tanto tempo in attesa

Attesa di ben 10 ore al pronto soccorso dell’ospedale Ruggi di Salerno per un malato oncologico di Eboli. Il 60enne è stato lasciato per tanto tempo in attesa senza che fosse stata adottata alcuna precauzione contro il Covid.

Malato di tumore: “Ho atteso 10 ore al pronto soccorso”

Quella dell’ebolitano L.C. è una storia assurda.  Al paziente, lo scorso anno, viene diagnosticato mieloma multiplo. I suoi figli, per lavoro, vivono a Milano, e hanno deciso, in accordo con il padre, di farlo seguire presso l’Istituto Europeo di oncologia. Avrebbe dovuto sottoporsi ad un trapianto autologo di midollo già alla fine dello scorso anno, ma con il propagarsi dell’emergenza Covid proprio a Milano, tra gennaio e febbraio scorso, ha atteso fino agli inizi di giugno e, dopo un breve periodo di degenza, è stato dimesso ed è potuto tornare ad Eboli.

All’improvviso un’insistente febbre ha accesso un campanello di allarme. Contattati, i medici di Milano gli consigliano di recarsi nel pronto soccorso dell’ospedale più vicino. L’uomo è giunto in ospedale alle ore 10,30, in codice giallo. È stato deciso di sottoporre il 60enne  al tampone per il Covid. Poi arriva un sospetto contagiato, messo proprio accanto a lui.

«Il mio tampone è risultato negativo – continua – ma ho il dubbio che il paziente arrivato fosse positivo. Ora ho paura. Sul referto medico rilasciato al San Leonardo c’è scritto chiaramente che sarei dovuto essere ricoverato, ma non essendoci posti letto in reparto, sarei dovuto rimanere lì, in mezzo al via vai». Infine: «Dopo dieci ore di attesa, senza nessuno che mi desse informazioni, nè si occupasse realmente di come stavo, ho messo la firma e me ne sono andato. “

TAG