Eboli, stop alle lucciole in litoranea: arriva l’ordinanza del sindaco

prostituta prostituzione lucciole

Eboli, con l'ordinanza 162, il sindaco Cariello ha attuato un provvedimento per contrastare il fenomeno delle lucciole lungo la Strada Provinciale 175

Eboli, con l’ordinanza 162, il sindaco Cariello ha attuato un provvedimento per contrastare il fenomeno della prostituzione lungo la Strada Provinciale 175, più nota come litoranea, dove lo sfruttamento della prostituzione non è mai cessato, neanche con l’emergenza coronavirus.

Eboli, l’ordinanza del sindaco

“Le donne che esercitano la prostituzione – si legge nel documento- sono solite intrattenersi all’imbocco delle strade che conducono alle spiagge, in corrispondenza e o in prossimità della pista ciclabile. Nella località interessata dal fenomeno della prostituzione insistono numerose spiagge libere, lidi attrezzati e pineta dove storicamente si vede la presenza di numerosi avventori, tra cui anche bambini”.

“La consumazione di rapporti sessuali- si legge nell’ordinanza- aumenta il rischio di contagio di malattie, tra cui anche il coronavirus”. Cariello, al fine di contrastare lo sfruttamento delle prostituzione, vieta fino al 15 ottobre 2020, le prestazioni sessuali in cambio di denaro, sulla Sp175 e zone limitrofe. Sarà dunque vietato contattare, avvalersi di prestazioni sessuali, intrattenersi con chi esercita il meretricio, fermarsi con i veicoli a contrattare e far salire prostitute. Per le violazioni la sanzione amministrativa è pari a 500 euro.

Sostieni la nostra redazione.

Offrici un caffè

TAG