Politica

Eboli, debiti fuori bilancio: salta il confronto, l’opposizione va dal prefetto

La seduta del Consiglio comunale sembrava aver generato una “fumata bianca”, ma così non è stato. I continui litigi tra maggioranza e opposizione sembrano non terminare e non si riesce a trovar un compromesso per quel che concerne la vicenda dei fondi sui lavori pubblici.

Eboli, debiti fuori bilancio: nessuna approvazione e scontri tra maggioranza e opposizione

Stando a quanto riportano le indiscrezioni, proprio quando si doveva discutere della relazione della Commissione di controllo e presieduta da Antonio Petrone, è stata richiesta una sospensione da Giancarlo Presutto.

Gli animi tanto accesi hanno fatto sì che: «dopo aver approvato debiti fuori bilancio per oltre 250mila euro, tra cui 53mila euro di lavori “a chiamata” e senza alcun impegno di spesa né liquidazione – si evince da una nota congiunta dei consiglieri di opposizione Antonio Petrone, Antonio Conte, Teresa Di Candia, Santo Venerando Fido, Damiano Cardiello e Luigi Guarracino – la maggioranza consiliare ha fatto mancare il numero legale proprio quando stava per discutersi della relazione conclusiva della Commissione Controllo e Garanzia su raccolta differenziata e settore manutenzione nel triennio 2016-18».

Al rientro, in sala vi erano solo 12 membri, gran parte della maggioranza era assente: «Questo dimostra – prosegue l’opposizione – che, quando si tocca sistemi scottanti, quali le proroghe dei rifiuti che hanno raggiunto i 21 milioni di euro, l’allegra gestione dei fondi pubblici per lavori di manutenzione, la migliore strada è la fuga». Al momento dalla maggioranza non vi è giunta alcuna risposta.

Antonio Bassano

Giornalista pubblicista dal 2017, ma anche eterno appassionato di lotta, pittura, street photography e del mondo otaku. Cresciuto giornalisticamente grazie al quotidiano L'Occhio di Francesco Piccolo, Antonio Bassano ha un approccio alla professione letterario semplice e spontaneo, nonché orientato a mettere a nudo la notizia senza commistioni o forzature.

Articoli correlati

Back to top button