Cronaca

Eboli: «Saranno i neri a dettare legge»

EBOLI. Sono stati bocciati tutti i progetti riguardanti l’accoglienza dei bambini profughi. Il sindaco Cariello ha dichiarato: «Erano otto i progetti per 52 bambini profughi, li abbiamo respinti tutti. Troppi stranieri sul nostro territorio». La linea politica dettata da Casa Pound vince, seguita a ruota dal Pd, da Forza Italia e da tutti i partiti di maggioranza e opposizione.

Il no al progetto

Come racconta il quotidiano Il Mattino, otto progetti stracciati, il no ai 52 bambini profughi «è stato unanime», spiega il capogruppo del Pd, Pasquale Infante. Il no arriva anche dall’Udc, Giuseppe La Brocca ha spiegato: «Non vi rendete conto della situazione a Santa Cecilia. I nostri figli, i nostri nipoti, non comanderanno più. Saranno i neri a dettare legge». Il sindaco, intanto, invita ad abbassare i toni e successivamente vota no anche lui ai progetti.

Pochi giorni prima era arrivata la dichiarazione di Maria Teresa Imparato, dirigente di Legambiente e attivista di sinistra, che dichiara: «Eboli è sempre stata una città ospitale, caro sindaco non cadere nel valzer del razzismo e populismo».

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button