Eboli, inchiesta Tre Stelle: respinto il sequestro preventivo dei beni di La Marca

tre-stelle

Inchiesta Tre Stelle a Eboli: la Cassazione ha respinto la richiesta di sequestro preventivo dei beni dell'imprenditore Gianluca La Marca

Inchiesta Tre Stelle a Eboli: la Cassazione ha respinto la richiesta di sequestro preventivo dei beni dell’imprenditore Gianluca La Marca.

Niente sequestro preventivo per i beni dell’impero Tre Stelle

La Corte di Cassazione ha deciso: respinto il sequestro preventivo legato ai beni, dal valore multimilionario, dei beni legati a Gianluca La Marca, imprenditore legato all’inchiesta del Caseificio Tre Stelle di Eboli.

Respinto il ricorso della Repubblica di Salerno e confermate le decisioni dei giudici dei giudici del Tribunale del Riesame: il ricorso della magistrature inquirenti è stata dunque definita inammissibile.

Continuano dunque le indagini su presunti reati fiscali in merito a false dichiarazioni sui redditi e l’iva del caseificio Tre Stelle nel periodo dal 2016 al 2017: in particolare, è stato contestato agli amministratori della srl di aver inserito a bilancio passività fittizie per svariati milioni di euro al fine di evadere il fisco.

Gli inquirenti hanno puntato la loro attenzione soprattutto l’inserimento a bilancio di passività fittizie per svariati milioni di euro con lo scopo di evadere il fisco. Nel mirino il “trattamento di fine mandato dell’amministratore”, per il quale la Procura ha reputato le somme accantonate come incongrue rispetto alle reali esigenze, per un ammontare di 14 milioni di euro accantonati nell’arco di tre anni a fronte di compensi annuali per l’amministratore pari a circa 27mila euro.

Tuttavia, la società Tre Stelle ha poi dimostrato di aver pagato 3 milioni di euro di imposte a fronte di un attivo di 17mila euro.

 

TAG