Episodi di violenza a Eboli: il sindaco Massimo Cariello chiede maggiore presenza delle Forze dell’Ordine e tolleranza zero

eboli violenza sindaco cariello sicurezza

Il sindaco di Eboli, dopo i recenti episodi di violenza che hanno colpito la cittadina chiede maggiori controlli da parte delle Forze dell'Ordine

Il sindaco di Eboli, Massimo Cariello, fa un appello alle autorità competenti per risolvere il problema di violenza sul territorio comunale. In particolare, dopo l’ennesimo episodio di violenza avvenuto nella serata di ieri, 9 giugno, in via Vittorio Veneto, in cui un pregiudicato è stato accoltellato varie volte dopo una lite, il primo cittadino chiede una riunione urgente del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza, più presenza delle forze dell’ordine e tolleranza zero contro i delinquenti.

Eboli: l’appello del sindaco Cariello dopo gli episodi di violenza

L’ultimo episodio di delinquenza della notte scorsa, con un accoltellamento in via Vittorio Veneto, rilancia l’urgente necessità che si potenzino gli organici della forze dell’ordine. Siamo vicino agli uomini in divisa che sul nostro territorio ogni giorno sono chiamati ad uno sforzo notevole per arginare manifestazioni di inciviltà e delinquenza, ma appare sempre più chiaro che occorrono nuove risorse affinché sia attuato un controllo ancora più capillare, per la serenità di tutti i cittadini.

Lancio ancora una volta un appello alle istituzioni, a cominciare dal Prefetto di Salerno, sensibile ai temi della sicurezza dei cittadini, affinché convochi al più presto il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza, perché sul nostro territorio è indispensabile rinforzare gli organici delle forze dell’ordine. Quanto accaduto qualche giorno fa in piazza Pezzullo, e ieri sera in via Veneto, sempre con il favore dell’ora tarda, è inaccettabile per una comunità civile e tranquilla come quella ebolitana.

Il sindaco richiede maggiore presenza delle Forze dell’Ordine

Le forze dell’ordine, pur nella difficoltà di organici ridotti, si sono fatte trovare come sempre pronte e stanno già braccando i responsabili di entrambi gli episodi, ma gli ebolitani chiedono più certezze e tranquillità; questi pochi elementi, la cui presenza però preoccupa molto cittadini e famiglie, vanno individuati e perseguiti, perché ogni atto criminale finisce per minare l’integrità del tessuto sociale.

Sono elementi pericolosi per l’integrità e per la serenità dei cittadini, senza alcun rispetto, contro di loro occorre tolleranza zero, ci sono leggi e possibilità di allontanarli dalla comunità che mettono in pericolo. Chi non ha rispetto degli altri, della serenità dei cittadini e del prossimo deve essere reso inoffensivo, la città e le forze dell’ordine devono tutti insieme combattere questi delinquenti e praticare ogni strada affinché rimangano confinati o ristretti lontano dalla nostra comunità.

Serve un controllo capillare del territorio

Abbiamo bisogno di un controllo capillare del territorio, possibile solo attraverso l’impiego di forze dell’ordine che abbiano organici sufficienti ad affrontare e debellare fenomeni di inciviltà e delinquenza come quelli registrati negli ultimi giorni.

Sono queste le considerazioni che mi hanno portato ad investire della questione direttamente il Prefetto di Salerno, perché Eboli merita ed attende risposte chiare in termini di sicurezza e controllo del territorio, così come le forze dell’ordine già presenti ed impegnate ogni giorno necessitano di organici rinforzati e pronti a contrastare ogni comportamento delinquenziale.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

TAG