CronacaPolitica

Elezioni, Battipaglia: i candidati scendono a sette, dubbi sui "5 Stelle"

BATTIPAGLIA. In principio erano undici, ora rischiano di rimanere in campo solo sette candidati a sindaco di Battipaglia. Dopo il ritiro dalla corsa di Peppe D’Elia, Fernando Zara e Paolo Rocca Comite Mascambruno, gli occhi sono puntati sul Movimento 5 Stelle, che sta provando ad ottenere la certificazione dei vertici nazionali sulla proposta di lista e rischia di arrivare tardi al rush finale. Entro domattina andranno consegnate le liste ufficiali degli aspiranti sindaci e consiglieri comunali, in vista delle elezioni amministrative del 5 giugno. E le incertezze sono ancora tante.

Movimenti e liste civiche. Questo pomeriggio, alle 18 presso l’ex scuola De Amicis, il Movimento 5 Stelle svelerà l’arcano. Nel corso di un incontro col candidato sindaco Giuseppe Militti e del candidato al consiglio comunale Giuseppe Nobile, i 5 Stelle diranno ufficialmente se saranno presenti alle amministrative con il proprio simbolo. Il Movimento 5 Stelle ha fatto sapere che «la forza del nostro cambiamento va ben oltre una scadenza elettorale, per quanto importante possa essere».

Parole che fanno pensare ad un’assenza del simbolo dei 5 Stelle alle amministrative. Tra i civici, il candidato sindaco Riccardo Maria Cersosimo presenterà una sola lista, quella del Movimento Cristiano Sulla Tua Parola. I candidati al consiglio comunale saranno equamente divisi per genere (12 uomini e 12 donne). Tra loro, ci saranno Luigi Leo, Teresa Ricciardi, Nicola Riscinito, Speranza Pastorino, Lucio Maresca, Annamaria Napolitano, Anna Maria Lomanto, Grazia Zera,Viola Marciano, Antonio Morra. Cinque le liste a supporto di Gerardo Motta. L’ex candidato sindaco del centrodestra nel 2009 guiderà una coalizione civica in cui si ritroveranno molti volti noti della passata amministrazione. Centrodestra affollato.

Il gruppo di centrodestra è diviso fra tre candidati. Ugo Tozzi ha il sostegno di Fratelli d’Italia, Nuovo Psi e tre liste civiche (Tozzi Sindaco, Azione Civica, Città Connessa). Terrà il primo comizio elettorale domani sera, alle 19.30, in piazza della Repubblica.Vincenzo Inverso sarà in campo con due liste, #perunnuovoinizio e Battipaglia Popolare. Quest’ultima lista racchiude anche gli esponenti del Nuovo Centrodestra. Il suo primo comizio elettorale è stato fissato per domenica, alle 20, in piazza della Repubblica. Cecilia Francese si propone con Forza Italia, Rivoluzione Cristiana e due civiche (Etica, Con Cecilia Francese Sindaco). Centrosinistra diviso.

Le primarie di due mesi fa, piuttosto che riunire la coalizione, hanno contribuito ulteriormente a distruggerla e disgregarla. L’unica certezza riguarda il fatto che Enrico Lanaro, quale vincitore delle primarie, rappresenterà il Pd. Un partito comunque svilito nella sostanza, con diversi esponenti finiti al fianco di Motta e con gli ex concorrenti delle primarie che non sosterranno Lanaro. Il veterinario dovrebbe presentare sei liste, di cui tre partiti (Pd, Udc, Scelta Civica) e tre civiche (Pro Battipaglia, L’Idea, La Svolta), anche se tra Udc e Scelta Civica potrebbe nascere un’unica formazione. Con lui si candiderà anche il segretario provinciale del Pd, Nicola Landolfi. Non ci saranno gli ex sfidanti alle primarie Carmine Galdi e Nicola Oddati, che appoggeranno – pur se non ufficialmente – Motta. È nel centrosinistra, pur guidando una coalizione civica, Pietro Ciotti. Dopo aver preso parte alle primarie e aver rotto con Lanaro, l’ex cislino con tessera Pd sarà presente con Battipaglia La città che Verrà, Battipaglia da Cambiare, I Democratici di Battipaglia.

Articoli correlati

Back to top button