Politica

Elezioni, il Pd accelera. Dossier dei riformisti su Puc e lavori in città

EBOLI. Richieste di chiarimenti al commissario e una raccolta firme per la celebrazione del congresso del Pd: offensiva dei riformisti che fanno capo al già ministro Carmelo Conte dopo i tre seminari organizzati in città per aprire una «nuova fase ad Eboli e nella valle del Sele». Oltre mille persone hanno partecipato agli incontri politici chiusi tre autorevoli parlamentari del Pd, Massimo Paolucci, Valeria Valente e Michela Rostan; un risultato che conforta i riformisti ebolitani secondo i quali « il programma da noi distribuito sarà un’utile base di partenza per incontri tematici che organizzeremo nelle prossime settimane». Una scelta che prevede la partecipazione di cittadini «che sono lontani dalla politica e dalle vicende amministrative». Al seminario ha partecipato anche l’avvocato Federico Conte, figlio dell’ex ministro e in corsa per una candidatura alla Regione. Per quanto riguarda invece le elezioni comunali, in pool position c’è l’avvocato Antonio Conte.

Dal punto di vista operativo i riformisti annunciano un dossier «che presenteremo al Commissario prefettizio, nei quali saranno indicati “i punti di criticità” che hanno causato la crisi economica e politica di Eboli». Per i democratici dell’area Conte «occorre fare chiarezza per evitare fughe in avanti su scelte quali: l’impianto fotovoltaico su Monti di Eboli, le rotatorie dell’Anas, i centri commerciali, i 380 alloggi dell’housing sociale nel bosco di Grataglie, gli appalti delle opere pubbliche e delle forniture, la gestione del patrimonio e delle società comunali e la scandalosa vicenda del Puc che ha portato alla caduta dell’Amministrazione». Tra gli ebolitani, scrivono, «corrono voci di rara gravità da dipanare nell’interesse di tutti: bisogna rendere chiaro che nulla è più come prima, e che è consigliabile e utile favorire il cambiamento anziché arrischiare impossibili quanto pericolosi rilanci». Da qui l’avvio di una raccolta di firme tra gli iscritti al Pd «per la convocazione del Congresso del Circolo, la prima vittima dell’ex sindaco che ha esposto il simbolo del più grande partito italiano al ludibrio popolare e va perciò restituito agli iscritti. Il Pd di Eboli può e deve ripartire archiviando il suo metodo, anche per evitare che su di esso la destra possa costruire la sua vittoria».

Intanto giovedì prossimo ci sono altri due eventi di rilevanza politica. Il Pd con Martino Melchionda, Cosimo Cicia, Roberto Palladino ed altri fedelissimi dell’ex sindaco organizza all’Hotel Grazia alle 17.30, un incontro dal tema : “Il Pd di Eboli e la Piana del Sele”. All’iniziativa prenderanno parte dirigenti, onorevoli, consiglieri regionali e amministratori del Pd». Fra gli invitati l’onorevole Tino Iannuzzi e il consigliere regionale Anna Petrone. Un’ora dopo invece, alle 18.30, presso la scuola Giudice, in piazza della Repubblica, Antonio Cuomo incontra la città con lo slogan “Ora Basta: Eboli Prima di Tutto”. Il suo è il primo incontro ufficiale per parlare del suo programma di candidato sindaco.

Articoli correlati

Back to top button