Ennesima truffa telefonica: i clienti obbligati a cambiare il modem

call-center

Ennesima truffa studiata per trarre in inganno dei malcapitati. Qualche mese fa una truffa simile era stata sventata dal programma Le Iene

Truffa in costiera amalfitana. Una finta operatrice della Tim telefona e afferma che bisogna cambiare il modem del computer per adeguarsi alla nuova linea per navigare in rete in maniera più rapida. Il cambio del modem è gratuito ma costa in bolletta 5 euro, costo dell’affitto del modem stesso.

Dopo varie segnalazioni da più punti della Costiera Amalfitana una donna residente ad Atrani ha capito che in quella seconda ed insistente telefonata qualche cosa non quadrava. La finta operatrice, dopo dei rifiuti da parte della donna, ha confermato che il cambio del modem era necessario e che se avesse insistito le avrebbe immediatamente staccato la linea internet.

La donna, forte del fatto che la chiamata non arrivava dal 187 come risultava dal display dal fisso di casa ma da un numero il cui prefisso iniziava con 0381 (prefisso di Pavia), ha detto alla finta operatrice di procedere con l’interruzione della linea internet, cosa che non è mai accaduta, e che avrebbe chiamato lei la TIM.



La donna ha così chiamato la TIM che le ha confermato che dal loro call center non era partita nessuna chiamata nella giornata al suo numero e che la TIM non propone a alcun cambio di modem, al contrario è il cliente che decide eventualmente un cambio contattando l’azienda per un consulto o per sottoscrivere un nuovo contratto di compera o affitto del modem.

Inoltre l’operatrice della TIM ha consigliato di denunciare  l’accaduto agli organi competenti.

Si tratta quindi dell’ennesima truffa studiata per trarre in inganno dei malcapitati. Qualche mese fa una truffa simile era stata sventata dal programma Le Iene: a Napoli un call center si occupava di stipulare contratti per una nota compagnia telefonica garantendo alle persone che venivano contattate da loro, un contratto di telefonia fissa con modem incluso nel prezzo anche quando, in realtà l’offerta ne prevedeva un costo specifico pari a 5 euro al mese.

TAG