Fisciano: sequestrò e rapinò un prete, 6 anni di carcere per il 25enne

rapina

Rapinò e sequestrò un prete, 6 anni per il 25enne

FISCIANO. Sequestrò e rapinò don Antonio Pisani, condannato a 6 anni il 25enne di origini albanesi Jakimi Ardit, che prese in ostaggio il parroco la sera del 18 dicembre 2015.

A deciderlo il Giudice per le Udienze Preliminari del Tribunale di Nocera Inferiore. L’albanese è stato giudicato per i reati di rapina aggravata, lesioni e sequestro di persona.

All’epoca dei fatti il sacerdote era uscito dalla canonica per riattivare la caldaia. Fu in quel momento che Jakimi colpì, sferrando un colpo alle spalle del sacerdote con un cacciavite. Il 25enne, a quanto pare aiutato da un’altra persona, trascinò il prete all’interno, legandolo.

L’albanese puntò quindi la pistola alla tempia del sacerdote, minacciandolo di morte nel caso avesse chiesto aiuto. Jakimi si impossessò di 300 euro in contanti, tre orologi da polso ed alcune medaglie d’argento.

Don Antonio si liberò dalla corda in un momento di distrazione e per non avvertire il suo sequestratore uscì dalla finestra del bagno, per poi chiedere aiuto ad alcuni amici del paese. Fu in seguito accompagnato in ospedale a causa delle ferite riportate durante la colluttazione con il rapinatore.

TAG