Cronaca

Ancora scarichi nel Tusciano: nei guai proprietario di un allevamento di maiali

Fiume Tusciano, nuovi scarichi di reflui inquinanti scoperti: rinvenute alcune carcasse di suini nella sottostante scarpata

Scoperti nuovi scarichi di reflui inquinanti nel fiume Tusciano. Prosegue l’impegno del personale del Nucleo Provinciale Guardie Giurate dell’Associazione Accademia Kronos di Salerno in collaborazione con le Forze dell’Ordine al fine di contrastare le illecite attività attraverso le quali imprenditori senza scrupoli smaltiscono illecitamente rifiuti e reflui aziendali.


fiume-tusciano-reflui-inquinanti-eboli-allevamento-maiali


Fiume Tusciano, scoperti nuovi scarichi di reflui inquinanti

L’ennesima operazione svolta in collaborazione con la Guardia di Finanza, ha interessato i territori dell’alto Ebolitano, dove, dopo giorni di indagini ed ispezioni,  si è riusciti ad accertare la presenza di uno scarico di reflui inquinanti in un affluente del Tusciano. In particolare, dopo aver risalito un lungo tratto del fiume ed aver individuato lo scarico inquinante, i militari sono risaliti ad una impervia scarpata, individuando l’azienda responsabile di tale illecita attività.

Immediatamente il personale militare ed i tecnici del Nucleo Guardie AK accedevano nell’azienda scoprendo che si trattava di un allevamento suinicolo già sottoposto a sequestro nel 2020 proprio per i medesimi reati. Dopo tale iniziale attività e la verifica delle linee di deflusso delle condotte effettuate con l’ausilio della fluoresceina, il personale intervenuto accertava altresì che l’imprenditore non solo stava smaltendo illecitamente e senza alcuna depurazione tutti i reflui prodotti dai 160 suini presenti nell’allevamento nel sottostante torrente ma, si era reso altresì responsabile di aver violato i sigilli di sequestro posti nel 2020 alterando completamente lo stato dei luoghi e realizzando anche dei nuovi scavi in cui stava posizionando delle nuove condotte  attraverso le quali proseguire l’illecita attività.


fiume-tusciano-reflui-inquinanti-eboli-allevamento-maiali


Il provvedimento

In tale circostanza i militari avendo rinvenuto alcune carcasse di suini nella sottostante scarpata, richiedevano l’intervento del personale ASL di Eboli che prontamente giunto sul posto, procedeva ad effettuare ulteriori accertamenti e sanzionare l’imprenditore.

Al termine dell’operazione che vedeva la riapposizione dei sigilli ad uno scavo colmo di liquami ed alle opere realizzate abusivamente l’imprenditore veniva denunciato per violazione di sigilli, realizzazione di interventi di natura edilizia in assenza di qualsiasi titolo abilitativo ed  illecito smaltito dei liquami nel torrente.

Articoli correlati

Back to top button