AlmanaccoSalernitana

La Salernitana compie 103 anni: storia e successi del club granata

Il 19 giugno 1919 la fondazione della Salernitana: storia e successi del club granata, da Gipo Viani e Davide Nicola

La Salernitana celebra la sua fondazione il 19 giugno. Fondata la società originale il 19 giugno 1919 da una cordata capeggiata da Matteo Schiavone, nel corso della sua storia è stata rifondata per tre volte: nel 1927 in seguito alla costituzione di un nuovo sodalizio con l’attuale identità granata, nel 2005 e nel 2011 per motivi finanziari. Dal 13 gennaio 2022, il proprietario del club è Danilo Iervolino.

Il colore ufficiale della Salernitana è il granata dal 1943 (esclusa la stagione 2011-2012 per ragioni giuridiche), il suo simbolo è l’ippocampo dal 1949, e la squadra disputa le proprie gare interne allo stadio Arechi dal 1990.

Dopo il Napoli è stata la seconda squadra campana in ordine temporale a partecipare al campionato di Serie A, cui ha preso parte nel 1947-1948 e nel 1998-1999, retrocedendo in entrambe le occasioni per un solo punto; nel 2021-2022 ha partecipato alla massima serie per la terza volta, nella quale è riuscita a salvarsi nel finale del campionato, potendo così parteciparvi per la quarta volta, nella Serie A 2022-2023. La Salernitana ha giocato quasi sempre fra i professionisti, eccetto per la stagione 2011-2012, poiché ripartì dalla Serie D ma con colore, logo e denominazione del Salerno Calcio.

Il 19 giugno del 1919 la fondazione della Salernitana

Fondata nel 1919 grazie ad alcuni soci capeggiati da Matteo Schiavone, ebbe come primo presidente Adalgiso Onesti. Il club esordì in campionato vincendo sul campo il proprio girone e successivamente a tavolino la finale del campionato di Promozione 1919-1920 contro il Brasiliano (squadra napoletana che vinse l’altro girone), in quanto gli incontri terminarono 5-0 in casa sia all’andata che al ritorno per i rispettivi padroni di casa, sicché occorse una terza finale ma per protesta i partenopei non si presentarono sul neutro di Nocera Inferiore, città situata nel salernitano, conferendo in questo modo la promozione in Prima Categoria alla Salernitana. Gli allora bianco-celesti si ritrovarono quindi nel massimo livello calcistico dell’epoca, ma non andarono mai oltre la fase regionale. Retrocessero nella stagione 1921-1922. Seguì una fusione con lo Sporting Club Audax Salerno.

Nel 1922 nacque, così, la Salernitanaudax, sodalizio che per divergenze interne e problemi vari fermò l’attività nel 1925. La Salernitana rinacque nel 1927 attraverso una fusione tra Salernitanaudax, Campania e Libertas, ripartendo dal terzo livello. Ottenne la prima promozione in Serie B nel 1937-1938, ma vi rimase per una sola stagione.

Ottenne l’accesso ma fu in seguito esclusa dal girone finale per la promozione in B, a causa di una infrazione nel 1941-1942 (pur se aritmeticamente non decisiva ai fini dell’esito finale del campionato), stagione in cui si mostrò sul campo meritevole della posizione ottenuta vincendo il campionato del proprio girone, che rivinse anche nella stagione successiva in cui ebbe accesso al girone finale giungendo seconda ed ottenendo così la promozione, allenata da Gipo Viani. I campionati, per via della nota guerra in atto in quegli anni, furono sospesi e sostituiti da alcuni tornei regionali. La Salernitana vinse la Coppa della Liberazione e si classificò seconda al Campionato campano 1945. Giocò poi nel Campionato misto Serie A/B 1945-1946 come squadra cadetta, ed ottenne sul campo la promozione nella Serie A 1947-1948 sotto la presidenza di Domenico Mattioli e nuovamente allenata da Gipo Viani, in collaborazione con calciatori come Antonio Valese, Elio Onorato, Sebastiano Vaschetto, Carmine Iacovazzo, Vincenzo Margiotta.

 

Sempre con Viani disputò la massima serie, in cui si fece conoscere positivamente attraverso il rivoluzionario schema di gioco del Vianema (ideato da Antonio Valese che lo suggerì all’allenatore facendolo conoscere in tutta Italia e da cui ebbe origine l’odierno catenaccio italiano), con cui ottenne preziosi pareggi e vittorie che soltanto per un punto non le consentirono di salvarsi. Tuttavia la retrocessione di quella Salernitana fu un argomento controverso, giacché alcune fonti sottolineano come la Roma di quegli anni fosse stata favorita dall’arbitro Vittorio Pera nella sfida per la salvezza con la compagine di Salerno.

 

Seguirono poi otto anni di militanza in Serie B, fino a quando non retrocesse in Serie C nella stagione 1955-1956 Il 28 aprile 1963, durante la partita Salernitana-Potenza morì il primo spettatore in uno stadio italiano: Giuseppe Plaitano, colpito accidentalmente da un proiettile sparato in aria da un poliziotto nel tentativo di placare una rissa in campo scaturita anche per questioni legate alla partita, ma anche per l’ira dei tifosi provocata dall’eccessiva vigoria con cui fu placato l’iniziale invasore solitario.

Nella stagione di Serie C 1965-1966 il club campano ottenne nuovamente la promozione in Serie B sotto la direzione di Domenico Rosati, ma la permanenza nel secondo livello nazionale durò nuovamente una sola stagione. Seguirono poi 23 anni consecutivi di terza serie, e nella Serie C1 1989-1990 infine la squadra granata ottenne la promozione nel campionato cadetto, sotto la presidenza di Giuseppe Soglia, la guida tecnica di Giancarlo Ansaloni e con in campo il capitano Agostino Di Bartolomei.


Agostino Di Bartolomei

Anche questa volta la permanenza in B durò per un solo campionato, ma con l’arrivo dell’allenatore Delio Rossi i campani tornarono pochi anni dopo in Serie B ottenendo la promozione nel campionato 1993-94 anche grazie ai gol di Giovanni Pisano.

Successivamente, durante la presidenza di Aniello Aliberti fu nuovamente Serie A al termine di un campionato che vide di nuovo Delio Rossi in panchina. Grazie alla coppia-gol composta da Marco Di Vaio ed Edoardo Artistico, nonché altri uomini come i difensori Ciro Ferrara e Vittorio Tosto, i fratelli Giacomo e Giovanni Tedesco ed il capitano Roberto Breda a centrocampo, capaci di costituire una rosa competitiva, la squadra concluse al primo posto finale. Nella Serie A 1998-1999 retrocesse per un solo punto, e la stagione si concluse tragicamente per alcuni tifosi: Vincenzo Lioi, Ciro Alfieri, Giuseppe Diodato e Simone Vitale che morirono in treno a causa di un incendio durante il viaggio di ritorno dopo aver assistito all’incontro in trasferta dell’ultima gara di campionato.
La Salernitana tornò in Serie B, e dopo le prime stagioni in cui si propose tra le candidate per la promozione, si piazzò ventesima nel 2002-2003 ma non retrocesse per via del Caso Catania. Nell’estate del 2005 tuttavia il club venne radiato dal professionismo per inadempienze finanziarie, anche se il presidente Aliberti ed altre figure nel mondo del calcio hanno sostenuto che quella Salernitana sarebbe stata eventualmente in grado di rateizzare il pagamento dei debiti. In ogni caso, dopo una breve parentesi in Terza Categoria la società, nel corso del girone di andata venne messa in liquidazione fallimentare. Nel frattempo a Salerno nacque tramite lodo Petrucci una nuova società che ripartì dalla Serie C1, ed ottenne la promozione in seconda serie nel campionato di Serie C1 2007-2008 anche grazie alle reti di Arturo Di Napoli. La società in seguito acquisì i beni immateriali della precedente Salernitana, fra cui il marchio con l’ippocampo, e nella stessa stagione retrocesse nuovamente in terza serie al termine del campionato di Serie B 2009-2010. Dopo aver lottato fino ai play-off, nel 2010-2011 non ottenne la promozione, e fu anzi costretta a scomparire in quanto la società fallì per debiti.
Il calcio salernitano ripartì dalla Serie D 2011-2012 attraverso il Salerno Calcio, che venne fondato da Claudio Lotito e Marco Mezzaroma. Il sodalizio, che nella stagione successiva divenne Salernitana attraverso l’acquisizione dei beni immateriali utilizzati dalle società precedenti, ottenne due promozioni consecutive entrambe con Carlo Perrone allenatore. Si aggiudicò inoltre la Supercoppa di Lega di Seconda Divisione nel 2012-2013 e, con in panchina Angelo Gregucci la Coppa Italia Lega Pro 2013-2014. Nella stagione 2014-2015, sotto la guida di Leonardo Menichini, ottenne con due giornate d’anticipo l’aritmetica certezza della promozione in Serie B- Lo stesso Menichini, subentrò nella stagione seguente, salvando i granata ai playout. Nel 2018-19, sotto la guida di Menichini (allenatore subentrato verso la fine del torneo) vinse la doppia sfida playout contro il Venezia, salvando la categoria sul campo, anche se il Venezia sarà in seguito ripescato a causa dell’esclusione del Palermo.
Il 19 giugno 2019 il club ha festeggiato i cento anni di attività. Per celebrare l’evento organizza un triangolare estivo con Bari e Reggina vinto dai pugliesi, e modifica lo stemma sulla maglietta per la stagione 2019-20, richiamandosi ad un logo utilizzato negli anni quaranta e ad altre peculiarità del suo passato.

salernitana-compleanno-102-festa-citta-storia


 

Nella stagione 2020-21 la squadra, allenata da Fabrizio Castori, conclude il campionato di Serie B al secondo posto dietro l’Empoli capolista e davanti al Monza terzo. Ottiene di conseguenza l’accesso diretto alla Serie A a 22 anni di distanza dalla precedente esperienza nella massima serie del 1998-99.

La Salernitana aveva però come co-proprietario Claudio Lotito, presidente di un’altra squadra di calcio militante nella stessa serie, la Lazio, e non essendo possibile, secondo l’articolo 16bis della NOIF che uno stesso individuo possa essere comproprietario di due squadre della stessa categoria, per partecipare alla Serie A la Salernitana doveva essere obbligatoriamente ceduta dai due proprietari entro e non oltre il 31 dicembre 2021. Per questo, la squadra dell’Ippocampo è stata gestita da un trust, appositamente costituito, durante tutto il girone di andata della Serie A 2021-2022, con al capo, l’amministratore unico, il generale Ugo Marchetti. Dopo aver valutato molteplici proposte, i trustee Susanna Isgrò e Paolo Bertoli hanno accettato la proposta più vantaggiosa giunta tramite pec dall’imprenditore Danilo Iervolino, sciogliendo definitivamente le riserve alle ore 23:58 del 31 dicembre.


salernitana-iervolino-sindaco-incontro-conferenza-stampa

Danilo Iervolino


L’imprenditore di Palma Campania, firma l’atto notarile, il 13 gennaio, nello studio del notaio Coppa, in quel di Scafati, divenendo ufficialmente il nuovo presidente della Salernitana. Nella prima parte di stagione stanzia ultima in classifica per tutto il tempo collezionando 3 vittorie, 2 pareggi e 16 sconfitte. Nel girone di ritorno, complice una massiccia campagna d’acquisti invernale compiuta dal neo diesse Walter Sabatini e dal tecnico Davide Nicola, la squadra conquista un’insperata salvezza all’ultima giornata nonostante una sconfitta 0-4, diventando la prima squadra a salvarsi in Serie A con soli 31 punti, evento mai successo da quando è stata introdotta la vittoria a 3 punti.

Articoli correlati

Back to top button