Cronaca

Frase razzista nel consiglio comunale di Sarno: “Gli extracomunitari puzzano, è quello il problema”

Frase razzista durante il consiglio comunale di Sarno pronunciata dall’assessore del partito democratico Eutilia Viscardi

Frase razzista durante il consiglio comunale di Sarno in streaming. Il commento shock è stato pronunciato dall’assessore del partito democratico Eutilia Viscardi, nel corso dell’assise che vedeva collegati sindaco, consiglieri e giunta. «Gli extracomunitari puzzano, questo è il problema», si sente in sottofondo.

Sarno, frase razzista durante il consiglio comunale

In consiglio comunale, il sindaco di Sarno, Giuseppe Canfora, si confrontava con il consigliere Walter Giordano, esponente della Lega sulla questione sicurezza del centro storico in cui vivono numerosi extracomunitari.

Giordano riprende una sua interrogazione consiliare sulla richiesta del «censimento degli occupanti degli immobili del centro storico cittadino». «Il centro storico, da arteria principale del commercio locale e zona vivace e vivibile, è diventato un sobborgo. – dice durante l’assise – Negli ultimi anni ci sono stati episodi di violenza, di paura, come l’ultimo avvenimento della recente una bomba carta contro un negozio. Senza voler fare un discorso che tende a ghettizzare determinate comunità. Bisogna cercare di capire effettivamente questi immobili come vengano locati e condotti dagli inquilini. Sindaco, da massima autorità sanitaria locale, vi è un problema di carattere sanitario dovuto alla presenza massiccia di abitanti di determinati appartamenti in misura maggiore rispetto alla vivibilità di queste zone».

Ed è in questo frangente che si sente la frase incriminata

Il chiarimento

La Viscardi ha chiarito la sua posizione. «Mi sono imbattuta in questo filmato – spiega – in cui è registrata una mia frase che apparteneva ad un mio discorso generale, non del tutto ascoltabile nella riproduzione, che difendeva gli extracomunitari, come ho sempre fatto, nella mia vita da chi, mentre si parlava di sicurezza, continuamente richiedeva al sindaco un controllo sanitario solo su zone abitualmente abitate da persone provenienti da paesi non comunitari, basandosi su stereotipi irripetibili che ritengono le condizioni sanitarie disagiate legate alle etnie. Chiarisco, senza nessuna remora, perché chi conosce la mia storia personale e politica sa quanto io sia antirazzista, antifascista e contraria alla discriminazione da quella razziale a quella sessuale. Non permetterò a nessuno di strumentalizzare le mie parole soprattutto su questi temi per cui combatto da una vita intera. Non è in discussione la mia carriera politica ma la mia dignità di donna e di essere umano perché dal video si avverte il mio tono arrabbiato nell’ascoltare certe richieste».

Articoli correlati

Back to top button