Furti a Cava de’ Tirreni, il sindaco Servalli: “Se ritenuto incapace, vado via”

Furti a Cava de' Tirreni: il sindaco Servalli ha dichiarato di essere pronto ad andare via qualora fosse ritenuto incapace nel gestire l'allarme ladri

Furti a Cava de’ Tirreni: il sindaco Vincenzo Servalli ha dichiarato di essere pronto ad andare via qualora fosse ritenuto incapace nel gestire l’allarme ladri in città.

Allarme furti: la dichiarazione shock di Servalli

Incredibile dichiarazione del sindaco di Cava de’ Tirreni, Vincenzo Servalli, dopo l’ennesimo caso di furto consumatosi in città. Quello dei ladri è diventato un fenomeno sempre più preoccupante nella città metelliana, a tal punto da indurre i protagonisti delle ronde a commettere qualche errore di valutazione.

Il primo cittadino, intanto, ha dichiarato di essere pronto a dimettersi dalla sua carica qualora la cittadinanza dovesse ritenerlo incapace di gestire la situazione. Precise e tuonanti sono state le sue parole, rilasciate sul proprio profilo Facebook:

“Mi dispiace. Sono veramente dispiaciuto per quello che sta avvenendo in città. Anche in queste ultime serate, nonostante il grandissimo impegno delle forze dell’ordine, si sono ripetuti furti in città.

In un clima di esasperazione diffuso, anche l’amministrazione viene considerata responsabile della incapacità di garantire la sicurezza dei cittadini.

Tutti sanno che il sindaco non ha specifiche competenze in materia, ma questa non può essere una giustificazione. Sono preoccupato per il clima creatosi, il terrore dei cittadini, i furti, le aggressioni che ci hanno portato alla ribalta nazionale. Io ho fatto e sto facendo tutto il possibile per quello che posso.

Qualcuno ipotizza addirittura che l’obiettivo possa essere proprio una amministrazione di persone pulite e volenterose da affondare su un terreno insidioso come quello della sicurezza. Io non ci voglio credere.

Invito ancora una volta i cittadini a fidarsi delle istituzioni preposte, ad essere prudenti ed evitare di generare ulteriori tensioni con le cd ronde. Ancora una volta domani chiederò attenzione per Cava agli organi preposti all’ordine pubblico,che ringrazio sempre per l’interesse mostrato alla città.

È evidente che se dovessi rendermi conto che veramente il problema sono io, non esiterò un secondo ad andarmene.”

TAG