Cronaca

Fermato il ladro-incubo della Costiera: da tempo derubava le case di residenti

Furti in Costiera Amalfitana, ladro arrestato e trasferito in carcere. Fermato anche evaso dagli arresti domiciliari

Un ladro che aveva creato il panico in Costiera Amalfitana è stato arrestato. Nella giornata di ieri, lunedì 18 ottobre, personale della Squadra Mobile – 5^ Sezione Narcotici – Antidroga, ha dato seguito all’Ordine di Esecuzione per la Carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno nei confronti di A.V., condannato in quanto riconosciuto colpevole di una lunga serie di furti in abitazione perpetrati in Costiera Amalfitana e nel Capoluogo cittadino. In esecuzione del dispositivo di restrizione, A.V., al termine delle formalità di rito, è stato associato trasferito nel carcere di Salerno, a disposizione dell’A.G. procedente.

Furti in Costiera Amalfitana, ladro arrestato dalla Polizia: fermato anche evaso dai domiciliari

Nella stessa giornata, personale della Sezione Reati contro il Patrimonio e la Pubblica Amministrazione della Squadra Mobile, ha dato esecuzione ad altra Ordinanza di Applicazione di Misura Cautelare personale in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Salerno, nei confronti di S.P., responsabile del reato di evasione dagli arresti domiciliari poiché sorpreso a circolare liberamente nelle strade del centro cittadino “in spregio alle prescrizioni connesse agli arresti domiciliari”.

L’individuo era stato arrestato e sottoposto agli arresti domiciliari in data 2 ottobre u.s, a seguito delle indagini sul furto presso un deposito automatizzato per bagagli in Salerno, scassinato e derubato per ben cinque volte, nel periodo tra maggio e settembre di quest’anno.

Le indagini

Le indagini e l’analisi dei numerosi filmati registrati dalle telecamere di sicurezza all’interno del nominato deposito, hanno permesso di ricostruire la dinamica dei fatti e di risalire all’identificazione dell’autore del reato.
Il pregiudicato per reati specifici e gravato da numerosi precedenti per reati contro il patrimonio, è stato ripreso, infatti, mentre scassinava un “totem” ove erano contenuti i contanti, appropriandosene e dandosi alla fuga.
Dopo le formalità di rito, S.P. è stato trasferito nel carcere di Salerno, come disposto dalla competente Autorità giudiziaria.

Articoli correlati

Back to top button