Furto di 24mila euro nel bingo Modernissimo a Salerno: assolto il cassiere: “Era in buona fede”

Secondo la procura, si era appropriato di oltre 24mila euro in cinque mesi approfittando di essere il «cassiere» della sala bingo Modernissimo

Secondo la procura, si era appropriato di oltre 24mila euro in cinque mesi approfittando di essere il «cassiere» della sala bingo Modernissimo. A denunciarlo erano stati proprio i proprietari, ma per i giudici l’uomo è innocente.

Furto di 24mila euro nel bingo, assolto il cassiere

Di qui l’assoluzione dall’accusa di peculato perché il fatto non sussiste. Nei prossimi novanta giorni, i magistrati del tribunale di Salerno (presidente Paolo Valiante, a latere Maria Lamberti e Francesco Guerra) spiegheranno le ragioni, motivando per iscritto la propria decisione.

L’indagato, difatti, era addetto ai pagamenti delle vincite che avvengono mediante procedure precise: il giocatore presenta un ticket in cassa – rilasciato dagli apparecchi idonei a certificare la vincita – la cui validità deve essere verificata dal personale. A volte, però, a causa di un malfunzionamento della macchina accade che la stessa non riesce a comunicare con il cash desk o non stampi il ticket, pertanto l’operazione di pagamento deve avvenire manualmente. È proprio su questo che l’uomo, R.S., è stato denunciato: sui pagamenti manuali che, a detta dei suoi datori di lavoro, non sarebbero stati eseguiti correttamente consentendogli di prendere – a loro avviso – indebitamente il denaro.

TAG