Cronaca

Gentiloni contestato a Napoli: manifestanti vengono respinti al Porto

NAPOLI. Al momento al teatro Mercadante di Napoli è in corso una conferenza tenuta dal premier Gentiloni. Il tema della conferenza è su Giovani e il Sud. Il convegno è stato organizzato da Il MattinoGentiloni vi figura come ospite. Un tema caldo che indaga sulle possibilità di investimento nel Meridione, dove la disoccupazione giovanile è più alta che nel resto d’Italia. Mentre la conferenza si svolge in tutta calma, all’esterno del teatro il premier viene contestato da un gruppo di giovani appartenenti ai diversi centri sociali presenti nella città. Portano manifesti e striscioni. Chiedono di poter lavorare. Molti infatti sono disoccupati. Qualcuno grida come slogan “Via da Napoli!“. Un fumogeno vola. Qualcuno tenta di spezzare il cordone delle forze di sicurezza. Seguono degli scontri con gli uomini della polizia di stato, intervenuti per bloccare che la manifestazione di piazza interrompa il convegno.

I manifestanti vengono respinti via, lontano dal Mercadante, giù fino alla zona del porto.

Sui social come Twitter si parla di due (o tre) cariche ingiustificate da parte della polizia. Uno dei manifestanti è stato portato in questura. Nonostante i piccoli tafferugli, il premier è giunto senza problemi al Teatro Mercadante. Un’accoglienza calorosa, scrive ironicamente qualcuno. Alcuni manifestanti hanno riferito di volersi solo avvicinare al Teatro, cosa loro impedita con la forza dagli uomini della polizia.

L’accaduto e le parole di Gentiloni

Articoli correlati

Back to top button