Cronaca

Caso di abbandono a Salerno, in ospedale non c’è posto e rimane isolato a causa della linea telefonica Tre

Il caso di Liberato Gibboni, un ragazzo costretto a casa perché non c’è posto in ospedale, suscita l’attenzione di tutti, urtando così la sensibilità dell’intera comunità salernitana.

Liberato Gibboni, nessun posto in ospedale e isolato dalla Tre

Stando a quanto riportano le indiscrezioni, non vi sono posti in letto presso il presidio ospedaliero di via San Leonardo e l’uomo è, inoltre, isolato in quanto privo della linea telefonica a causa di alcuni lavori della compagnia telefonica Wind Tre.

Da due giorni sono completamente isolato. Sono un imprenditore e non riesco a contattare clienti o dipendenti e tutto per colpa dei lavori in corso della Wind Tre.

Tutti coloro che vivono nel tratto di strada che va da parco Salid (zona Fratte) e Baronissi, non possono comunicare con i clienti della compagnia telefonica in questione.

Dopo essere stato alcuni giorni in ospedale e dopo la diagnosi dell’infezione, ho trascorso alcuni giorni in barella, poi ho deciso di firmare e tornarmene a casa da dove non posso uscire in quanto devo supportarmi da delle cure specifiche.

Per essere in contratto col mondo, l’imprenditore Liberato Gibboni, è stato costretto ad utilizzare il cellulare del padre che però vive in tutt’altra zona della città.

 

Antonio Bassano

Giornalista pubblicista dal 2017, ma anche eterno appassionato di lotta, pittura, street photography e del mondo otaku. Cresciuto giornalisticamente grazie al quotidiano L'Occhio di Francesco Piccolo, Antonio Bassano ha un approccio alla professione letterario semplice e spontaneo, nonché orientato a mettere a nudo la notizia senza commistioni o forzature.

Articoli correlati

Back to top button