Giovanni Sorrentino: a Dubai un emigrato salernitano di lusso

Giovanni Sorrentino progetta yacht e noleggia il lusso, al gotha dell'imprenditoria, a famiglie reali e illustri club del calcio

NOCERA INFERIORE. Giovanni Sorrentino progetta yacht e noleggia il lusso, al gotha dell’imprenditoria, a famiglie reali e illustri club del calcio, ai campioni d’Europa del Real Madrid e il Barcellona di Messi. Ha la nautica nel cuore sin da bambino, ma all’ingegnere laureato al Navale di Napoli, la provincia stava stretta. Ha deciso di andare a Dubai, lasciando a Nocera per una villa con dependance, piscina e giardino: i guadagni sono cresciuti a dismisura.

Giovanni Sorrentino: a Dubai un emigrato salernitano di lusso

Sorrentino esordisce: “Dubai mi ha adottato e ci si arriva in sei ore. Con altri giovani professionisti abbiamo avuto l’opportunità di esprimerci che in Italia nessuno ti dà se non sei già un nome. Nei Paesi “giovani” chi ha da dire qualcosa ha più opportunità di essere ascoltato, così nel 2006 decidemmo di partecipare al nostro primo boat show, qui dove il passaporto vale più del curriculum, il prestigio più della ricchezza e esser italiano o indiano conta più di quel che hai fatto.”

Una battuta sulla crisi economica: “Dal 2012 al 2017 sono stati anni difficili: cantieri falliti o fermi, acquisizioni di gruppi importanti, crediti congelati o persi, scarse vendite. E il governo Monti che ci ha affossato. È stata una molla decisiva.”

La sua giornata tipo: “Tanto lavoro, esco di casa alle 7 di mattina e rientro alle 8 di sera. Di giorno sono nel cantiere a meno di qualche appuntamento, di sera si coltivano relazioni tra ristoranti di lusso, hotel, feste in barca, club, golf: la città ha tutto ciò che il mondo dell’entertainment ha da offrire”, conclude.

 

TAG